mercoledì 19 luglio 2017

Armenia: Al via la Prima Edizione di STANDART, triennale di arte contemporanea



la curatrice della Prima edizione di STANDART
Adelina Cüberyan von Fürstenberg alza il Leone d'Oro a Venezia 2015

Dal 23 luglio alla fine di dicembre 2017 si svolgerà in Armenia la 1a Edizione di STANDART, Triennale d’Arte Contemporanea. 
Tema scelto sarà IL MONTE ANALOGO Un’esperienza temporanea d’arte, che prenderà le mosse dallo straordinario romanzo omonimo del poeta e scrittore surrealista francese René Daumal. La curatela della prima edizione è affidata a Adelina Cüberyan von Fürstenberg, curatrice del Padiglione nazionale armeno, vincitore del Leone d’oro alla 56a edizione della Biennale di Venezia nel 2015.
Gli eventi saranno diffusi su varie città armene: Yerevan, Gyumri, Erebuni, Sevan, e Kapan e le inaugurazioni si svolgeranno nelle singole località tra il 20, 22 luglio e il 12,13,14 settembre 2017. 
Una meta considerazione sull'arte guida l'intera iniziativa: "Il Monte Analogo, simbolo di ricerca poetica e di esperienza temporanea, mette in luce la riflessione sulla ricerca della conoscenza basata sul concetto secondo cui l’essenza di una mente creativa è direttamente correlata alla natura e alle esperienze di ciascuno". In qualche modo quindi il Monte Analogo sarà il Monte Ararat, che sovrasta con la sua immanenza eppure celato dietro le foschie quotidiane, le vite di due milioni di Armeni, un monte sacro non afferrabile o toccabile poiché sorge in territorio non armeno.
"Il risultato di questa esperienza artistica, che si svolgerà nel contesto di alcuni siti storici e culturali unici nella regione del Monte Ararat, prevede una serie di incontri e collaborazioni dirette, opere site-specific e performance realizzate dagli artisti partecipanti in collaborazione con artisti residenti in Armenia; un sito web che includerà un diario di viaggio con immagini; un catalogo, pubblicato a settembre, contenete contributi degli artisti e testi di specialisti provenienti da diversi ambiti per conferire un approccio articolato sul tema del Monte Analogo". 

Organizzatori della 1a Edizione di STANDART, Triennale d’Arte Contemporanea sono: l'Armenian Arts Council istituzione non-profit con sede a Yerevan, diretto da Mariné Haroyan; Art for The World una organizzazione non governativa (ONG), fondata nel 1995 a Ginevra, Coordinata da Nunu Luan; l'Ambasciata della Repubblica Elvetica in Armenia che favorisce e promuove i rapporti tra la Svizzera e l'Armenia nei settori dell'economia, della politica, della cultura, della scienza e dell'istruzione; l'Armenia Art Foundation (AA Foundation) è un'organizzazione non-profit indipendente che sostiene lo sviluppo dell'arte contemporanea in Armenia, diretta da Anush Zeynalyan.


Il Monte Analogo
sarà presentato nelle seguenti città:


Inaugurazione: 20, 22 luglio, 2017


Yerevan:


- Ilya e Emilia Kabakov (Russia/USA), presentano l’installazione 20 Ways to get an Apple

listening to the Music of Mozart, presso Klorner, l’ex museo d’arte moderna della città.

- Una retrospettiva di
Gaspar Gasparian, fotografo modernista brasiliano di origini armene.

A cura di Ruben Arevshatyan.

Gyumri:


- Opere d’arte, performances e workshop saranno realizzati, in collaborazione con la comunità artistica di Gyumri, dagli artisti Ayreen Anastas & Rene Gabri (Palestina/Iran/USA/Armenia), Riccardo Arena (Italia), Marta Dell’Angelo (Italia), Benji Boyadgian (Finlandia/Palestina), Giuseppe Caccavale (Francia/Italia), Thibault de Gialluly (Francia), Aleksey Manukyan (Armenia), e Mikayel Ohanjanyan (Armenia/Italia), presso il Museum of National Architecture and Urban Life e il Sergey Merkurov Museum.

- Una collaborazione curatoriale con l’artista Vahagn Ghukasyan, realizzata presso il museo Gallery of Mariam and Eranuhi Aslamazyan Sister, vedrà una selezione di opere della collezione permanente delle due pittrici, interfacciarsi con una selezione di video di Francis Alÿs (Belgio), e Rosana Palazyan (Brasile) oltre che con una selezione di cortometraggi prodotti da ART for The World e realizzati da registi quali, Sergei Bodrov (Russia), Murali Nair (India), Idrissa Ouédraogo (Burkina Faso), Jafar Panahi (Iran), Jia Zhangke (Cina), tra gli altri.

Tra settembre e dicembre, STANDART, Triennale d'arte contemporanea proseguirà nei seguenti luoghi:


Inaugurazione il 12,13,14 settembre 2017:


Erebuni:


- Installazione anamorfica di Felice Varini (Svizzera) alla Stazione Ferroviaria Centrale. Organizzato dall'Ambasciata Svizzera in Armenia.
page2image19240 page2image19400 page2image19560
Lago Sevan (presso la Casa degli Scrittori) :

page3image1120
- Déjà vu STANDARD, video installazioni degli artisti Gerard Byrne (Irlanda), Josef Dabernig (Austria) e Igor Grubić (Croazia) e Markus Scherer (Austria).
A cura di
Ruben Arevshatyan.

- I progetti degli architetti modernisti Levon Cherkezyan, Gevorg Kochar e Mikael Mazmanyan.
A cura di Ruben Arevshadyan.

Yerevan, Gyumri e Kapan:


- Gli artisti ArtLab Yerevan, Ayreen Anastas e Rene Gabri, Arman Grigoryan, Piruza Khalapyan, Gohar Smoyan e Mika Vatinyan, assegnatari del primo bando per il 2017 promosso dalla Armenia Art Foundation, presenteranno i loro progetti tra luglio e dicembre in diversi luoghi e città dell’Armenia. 







martedì 18 luglio 2017

auguri a Kevork Képénékian nuovo sindaco di Lyon




Il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari 

esprime il proprio compiacimento per l'elezione 

a Sindaco di LIONE di 

Georges Képénékian

Kevork Képénékian neo sindaco di Lione
Come evidenzia il cognome il neosindaco è di chiara origine Armena. Nessuna sorpresa in realtà poiché Képénékian era, dal 2014, il vice del suo predecessore, Gérard Collomb, nominato negli scorsi mesi Ministro degli Interni all'interno del primo governo presieduto da Édouard Philippe. 
Questa elezione - come si apprende dal «Nouvelles armenie Magazine» - giunge a coronamento di una sfolgorante carriera. Kevork come è noto nella comunità armena locale è un nipote del Genocidio, in una delle tante famiglie armene francesi la cui storia esemplare fu raccontata favolisticamente da Ashot Malakian ovvero Henri Verneuil nel suo Mayrig. 
Brillante allievo del prof. Pierre Marion, pioniere del cuore artificiale, Képénékian, si specializzò poi in urologia e diventò in seguito primario del servizio di urologia dell'Ospedale di Saint Joseph-Saint Luc ruolo ricoperto fino a qualche anno fa. 
Insieme al suo amore per la medicina il neo sindaco di Lione si è impegnato nel riconoscimento del Genocidio Armeno e per la memoria e la cultura del popolo da cui discendeva la propria famiglia. Per svolgere al meglio questo importante compito ha trovato posto nelle fila del partito socialista nelle quali dal 2008 è stato letto nel Consiglio Comunale di Lione. Ha ricoperto incarichi di assessore alla Cultura e ai grandi eventi, e ai diritti dei cittadini. Sposato con una collega medico, padre di tre figli, Kevork Képénékian compirà 68 anni, tra meno di un mese, il 3 agosto.

sabato 15 luglio 2017

Banconote di terza generazione in arrivo in Armenia nel 2018

collage di banconote armene correnti
Nuove banconote di terza generazione saranno presto emesse dalla Banca Centrale d'Armenia ed entreranno in uso a partire dal 2018. Le banconote di nuova generazione saranno progettate in conformità con i requisiti speciali indicate della banca centrale. In particolare, le nuove banconote saranno altamente protette e saranno più resistenti per evitarne l'usura e la contraffazione. 
Dal comunicato stampa della Banca Centrale d'Armenia si apprende che sarà emessa una nuova banconota da 2,000 Dram, mentre sparirà per misure anti riciclaggio, la banconota da 100,000 Dram che, quindi, non sarà più rilasciata. 
Il Consiglio di Amministrazione della Banca Centrale d'Armenia ha inoltre approvato la proposta di porre sulla banconota da 1000 Dram l'immagine del poeta Parukir Sevak su una banconota, su quella da 2.000 Dram l'immagine di Tigran Petrosyan, sulla nuova banconota da 5.000 Dram l'effige di William Saroyan
Per quanto concerne le banconote di valore superiore sono stati scelti: Komitas per la banconota da 10.000 Dram, Hovhannes Aivazovsky su una banconota da 20,000 Dram e sulla banconota con maggior valore ovvero quella da 50,000 Dram, il posto d'onore sarà occupato da un'immagine di San Gregorio l'Illuminatore
Il comitato di vigilanza ha, inoltre, annunciato che sarà indetto un concorso per la scelta dei bozzetti da cui si trarranno i cliché delle banconote. 
La transizione dalle banconote correnti alle nuove, che potrebbero essere in plastica o ibride, avverrà comunque gradualmente per non creare confusione e traumi nella popolazione.

venerdì 14 luglio 2017

il pianista Hayk Melikyan in concerto nella Fortezza di San Leo

Nella suggestiva ambientazione della Fortezza di San Leo, un talento della musica ci condurrà in terre lontane. più precisamente verso le suggestive emozioni ed evocazioni della musica armena. All'interno del San Leo Festival martedì 18 luglio alle ore 21.00 il pianista Hayk Melikyan, terrà un concerto intitolato "Il Pianoforte nella musica armena del '900"
Hayk Melikyan è considerato dalla critica internazionale uno dei più interessanti pianisti della sua generazione. Nato ad Erevan, in Armenia, è stato insignito del titolo di Honorary Artist of Armenia dal presidente della Repubblica di Armenia Serž Sargsyan nel 2013.
Specializzato nel repertorio pianistico del '900, si è dedicato alla diffusione della musica di compositori armeni incidendo numerosi Cd con questo repertorio. Vincitore di importanti concorsi internazionali tra cui il prestigioso Premio "Valentino Bucchi" in Italia, si dedica anche alla composizione e sue parafrasi ed arrangiamenti sono spesso inseriti nei repertori di molti pianisti.
Il talento unico e l'immaginazione creativa di Melikyan nell'improvvisazione aggiungono un inusuale valore ai suoi recitals.
Info e prenotazioni: 0541-926967 info@sanleo2000.it