Cerca nel blog

Centro Studi Hrand Nazariantz

il Blog del "Centro Studi Hrand Nazariantz" intende essere un motivo di incontro per appassionati e ammiratori dell'intellettuale armeno Hrand Nazariantz (Uskudar 1886 ? - Bari 1962) nel rispetto degli Scopi sociali del medesimo Centro StudiHrand Nazariantz:
1) diffondere la conscenza della figura e dell'opera di Hrand Nazariantz
2) ampliare la conoscenza della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

info: centrostudihrandnazariantz@gmail.com


giovedì 22 marzo 2018

A letter from F. Alberto Amarisse OFM martyr of the Armenian Genocide

We publish a letter from the Servant of God Fr. Alberto OFM Amarisse that more than a hundred years ago described the situation in Syria. Father Alberto Amarisse from Cave was a Franciscan martyr in Armenia Minor and more precisely in the current Province of Kahramanmarash. For more on his life refer to the site www.angelopinci.it

Marasc, April 28, 1909
"Secretary Rev. Father 
P. Alberto da Amarisse da Cave
Martire del Genocidio Armeno
"Today at 10:30 AM from the fortress we feel the thunderous cannon who does not already destroyed the city, but rather rejoice these poor people faded and haggard from the nightmare of massacres. The dellal, public criers, proclaim with joyful shout the new Sultan, the streets repopulate of Christians and the whole city takes the ancient joyous aspect. 
"This public rejoicing, Reverend Father, he has partially lifted the heart; I say partially because I tear my heart to know that thousands of children are found wandering the mountains and without bread and that many Christian villages for fear they are Muslims made. And among these villages are numbered for now Tavullè, Calalè, Dutalè and Anegeck. 
"Here in Marasc only Saturday (April 17) there was a massacre, in which Christians were killed fifteen and forty wounded and would have been much more terrible if the local government had not taken firm action immediately. On that day a thousand people took refuge at our hospice, and, after three days, the less fearful they began to ritornarsene to their homes; other then this morning are happy and contented with their small families, a thousand thanks, and went in their neighborhoods. To tell the truth, among so many people, camped in our hospice, there was enough order, sure to be under good protection, defended by soldiers kindly sent to us by the Governor. In our villages round about, that Mugiukderesi, Jenige-Kale and Bunduch, outside a tremendous panic, no painful event happened; Only two Donkalè sirs named Ali and Mustafa Rahmage began to arouse evils moods between Christians and Turks, but soon these two dangerous beings were called in by the Governor to Marasc income rationem. 
"The massacre was terrible in the nearby village of Asciflì, where 74 houses were set on fire and killed 16 people. Bagkce, Hassenbei, Karne with eleven other villages were burned, victims, for now, you can not enumerate with certainty. They came to our Hospice over there some people to ask for alms; These tears in her eyes assured me that hundreds of Christians were killed in those parts, hundreds of brides after being ... were killed, hundreds of orphans for fear of being killed themselves took refuge in the forests where they feed on grasses. I received also a letter of Fendegiack, in which abut the same misfortunes and beg Christian charity. Christian charity can only alleviate the pain of these poor hapless and forlorn, and put a stop to the calamities that come from hunger. I sent to those poor 108 kilograms of flour; the rest, I am sure, will do the Divine Providence. 

"Welcome, RP Secretary, my sincere compliments and I always believe" 

DSP Rev.
Humble Brother
Among A. Amarisse

The Restoration of the code of Armenian The lives of father - VARK 'HARANC'

traduzione dall'Italiano by Jennifer Seta Sahagian-Walker

Friday, March 16, 2018, in Milan March 21 
the Armenian Code Lives of the Fathers - Vark 'Haranc'
Publisher Nova Carta and the Armenian House of Milan are:

the intervention, the commentary and the facsimile project

"The publishing house Nova Charta, with the auspices of the Union of Italian Armenians, presents the restoration of one of the most valuable and rare books kept in the Abbey Library of the Armenian Congregation Mechitarist in the Monastery of San Lazzaro degli Armeni Venice: the code fragmented Varkh Harants - Lives of the Fathers.
The work, dating from the late fifteenth or sixteenth century, composed of five illuminated pages, is written in nōtragir (one of the main forms of medieval Armenian calligraphy). It will be shown the Restoration Notebook and the limited edition project in facsimile editions.
The initiative is part of the project Let's save a code by which Nova Charta handed down and disseminates the values of the study and reading of ancient works, choosing and restoring especially important codes that would otherwise remain confined in the vaults of libraries.

"At the House of Armenia in Milan on March 21 at 18.30 , will be: opening Ani Martirosyan (piano), and the following greeting from Minas Lourian, President of the Union of Armenians in Italy, Director of Studies and Documentation of Armenian Culture Center of Venice ; We save a code, Vittoria de Buzzaccarini , editor of Nova Charta; The Church and the Armenian spirituality, Alberto Peratoner, professor of metaphysics and philosophical theology at the Theological Faculty of Triveneto-Padova; Presentation of the manuscript and its miniatures, Anna Sirinian, professor of Armenian Language and Culture at the 'Alma Mater Studiorum, University of Bologna; He will coordinate the meeting Pier Luigi Vercesi, correspondent of Corriere della Sera. 
"In 2015, to mark the centenary of the massacre - says Victoria de Buzzaccarini - visited the library of the monastery Mekhitarist island of San Lazzaro degli Armeni. To recall an ancient culture that is not valued and known as it deserves, I decided to place the restoration, the commentary and the facsimile of the manuscript Varkh Harants within the project "Let's save a code." A choice that also coincides with the three-hundredth anniversary of the arrival in Venice of Mechitar of Sebaste (aka Petros Manuk, 1676-1749), monaco Armenian Christian, who founded the Congregation Monastic Mechitarist island donated to him by the Republic. "
"The manuscript 1922/1680 of the Library Mekhitarist Fathers of San Lazzaro in Venice (henceforth V1922), whose thumbnails, thanks to the recent restoration, were returned to their original splendor, is composed of only five sheets of paper that were removed by the same code, then probably he went lost, containing a collection of the Fathers Lives of the desert in Armenian simply Vark 'Haranc', Lives of the Fathers. This is, in a serendipitous collection of texts, modifying from time to time in various areas, it crossed the East and the Christian West, representing the main source on the spirituality of the early monasticism, such as coenobitic especially anchoretic, who was born in centers and in the deserts of Syria, Palestine and Egypt from III-IV century AD. 
"These precious illuminated sheets were brought to St. Lazarus by his father Nerses Sargisean (1800-1866) after returning from a trip to Armenia made over the years 1846-1852. For ease of transport, the sheets were folded in four and placed inside another manuscript. The first page of the manuscript opens with the last page of the text of the V ita Prince "Byzantine" Nerseh who sacrifices all the comforts of your condition to travel to Egypt and join the monks of St. Anthony Abbot. 
"Below: a page in two columns, the left occupied by the portrait of an anonymous prince "Byzantine" which, like the previous one, runs away from the court to choose a life of extreme poverty; in the right one reads rather the beginning of his hagiography; in the second sheet, two episodes about the Egyptian hermit Pafnuzio, with a full-page miniature showing Pafnuzio in the act of taking leave of four senior monks; the third sheet the Life of St. Macarius the Egyptian, with a thumbnail whose subject is the healing of a blind lion by hermits Macario and Mark, and a text that emphasizes the extreme rigor of the religious life practices; in the fourth sheet a thumbnail with six monks in search of paradise if the Life of St. Macarius of Rome; in the fifth sheet a page entirely occupied by the miniature illustrating the visit of Bishop Theophilus to Pambo, and on to a miniature full page Pambo and his disciples.

martedì 20 marzo 2018

Una lettera di P. Alberto Amarisse da Cave martire del Genocidio Armeno

Pubblichiamo una lettera del Servo di Dio P. Alberto Amarisse OFM che più di cento anni fa così descriveva la situazione in Siria. P. Alberto Amarisse da Cave fu un martire francescano in Armenia Minore e più esattamente nell'attuale Provincia di Kahramanmarash.
Per approfondimenti sulla sua vita rimandiamo al sito www.angelopinci.it

Marasc, 28 aprile 1909

R.ndo Padre Segretario

Oggi alle 10,30 antimeridiane si sente dalla fortezza il fragoroso rimbombo dei cannoni i quali non già distruggono la città, ma bensì rallegrano questa povera gente scolorita e smunta dall’incubo dei massacri. I dellal, pubblici banditori, annunziano con festoso grido il nuovo Sultano, le vie si ripopolano di cristiani e la città intera prende l’antico aspetto giocondo.
Questa pubblica allegrezza, Reverendo Padre mio, mi ha in parte sollevato il cuore; le dico in parte, perché mi lacera il cuore il sapere che migliaia di bimbi si trovano sulle montagne raminghi e senza pane e che molti villaggi cristiani per timore si son fatti musulmani. E tra questi villaggi si numerano per ora Tavullè, Calalè, Dutalè e Anegeck.
Qui in Marasc solamente sabato (17 aprile) si ebbe un massacro, in cui furono uccisi una quindicina di cristiani ed una quarantina di feriti e sarebbe stato assai più tremendo se il Governo locale non avesse preso subito energiche misure. In quel giorno un migliaio di persone si rifugiò al nostro Ospizio, e, dopo tre giorni, i meno paurosi cominciarono a ritornarsene alle loro case; gli altri poi questa mattina lieti e contenti con le loro famigliole, con mille ringraziamenti, se n’andarono nei loro quartieri. A dir vero, fra tanta gente, accampata nel nostro Ospizio, vi era abbastanza ordine, sicura di trovarsi sotto buona tutela, difesa dai soldati gentilmente inviatici dal Governatore. Nei nostri villaggi circonvicini, cioè Mugiukderesi, Jenige-Kalè e Bunduch, fuori di un panico tremendo, non accadde nessun doloroso avvenimento; solo in Donkalè due messeri di nome Alì e Mustafà Rahmage cominciarono a suscitare mali umori tra cristiani e turchi, ma presto questi due esseri pericolosi furono chiamati in Marasc dal Governatore al redde rationem.
Il massacro fu terribile nel vicino villaggio di Asciflì, in cui furono incendiate 74 case e uccise 16 persone. Bagkce, Hassenbei, Karne con altri undici villaggi furono incendiati, le vittime, per ora, non si possono enumerare con certezza. Vennero al nostro Ospizio da quelle parti alcune persone per domandare l’elemosina; queste colle lagrime agli occhi mi assicurarono che centinaia di cristiani in quelle parti furono uccisi, centinaia di spose dopo di essere state… furono uccise, centinaia di orfani per paura di essere anch’essi uccisi si rifugiarono nei boschi ove si alimentano di erbe. Ricevetti anche una lettera di Fendegiack, in cui si attestano le medesime sventure ed implorano la carità cristiana. La carità cristiana solamente potrà lenire le pene di questi poveri sventurati e derelitti, e porre un argine alle calamità che provengono dalla fame. Io mandai a quei poverini 108 chilogrammi di farina; il resto, son sicuro, lo farà la Divina Provvidenza.
Accolga, R. P. Segretario, i miei sinceri ossequi e mi creda sempre
D. S. P. Rev.da
Umile Confratello
Fra A. Amarisse
O. F. M.

venerdì 16 marzo 2018

A Milano 21 marzo il Codice armeno Vite dei Padri - Vark' Haranc'

Casa editrice Nova Charta e Casa Armena di Milano presentano:

l’intervento, il commentario e il progetto di facsimile

Casa Armena di Milano, mercoledì 21 marzo 2018 ore 18.30

La casa editrice Nova Charta, con il patrocinio dell’Unione degli Armeni d’Italia, presenta il restauro di uno dei testi più preziosi e rari conservati presso la Biblioteca Abbaziale della Congregazione Armena Mechitarista nel Monastero di San Lazzaro degli Armeni a Venezia: il codice frammentario Varkh Harants - Vite dei Padri.
L’opera, risalente alla fine del XV o XVI secolo, composta da cinque fogli miniati, è scritta in nōtragir (una delle principali forme di calligrafia medievale armena). Sarà illustrato il Quaderno di Restauro e il progetto di edizione  in tiratura limitata del facsimile.
L’iniziativa si inserisce nel progetto Salviamo un codice attraverso il quale Nova Charta tramanda e divulga i valori dello studio e della lettura di opere antiche, scegliendo e restaurando codici di particolare importanza che altrimenti rimarrebbero confinati nei caveaux delle biblioteche. 
Alla Casa Armena di Milano il 21 marzo alle 18.30, interverranno: in apertura Ani Martirosyan (pianoforte), e di seguito saluto di Minas Lourian, Presidente dell’Unione degli Armeni d’Italia, direttore del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena di Venezia; Salviamo un Codice, Vittoria de Buzzaccarini, editore di Nova Charta; La Chiesa e la spiritualità armena, Alberto Peratoner, professore di Metafisica e Teologia filosofica presso la Facoltà Teologica del Triveneto-Padova; Presentazione del manoscritto e delle sue miniature, Anna Sirinian, professore di Cultura e Lingua armena presso l’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna; coordinerà l’incontro Pier Luigi Vercesi, inviato del Corriere della Sera. 
“Nel 2015, in occasione del centenario dell’eccidio – racconta Vittoria de Buzzaccarini - visitai la  biblioteca del monastero mechitarista dell’isola di San Lazzaro degli Armeni. Per ricordare una cultura millenaria che non è valorizzata e conosciuta come merita, decisi di inserire il restauro, il commentario e il facsimile del manoscritto Varkh Harants all’interno del progetto “Salviamo un Codice”. Una scelta che coincide anche con il trecentesimo anniversario dell’arrivo a Venezia di Mechitar di Sebaste (al secolo Petros Manuk, 1676-1749), monaco cristiano Armeno, che fondò la Congregazione Monastica Mechitarista nell’isola a lui donata dalla Serenissima Repubblica”.

Il manoscritto 1922/1680 della Biblioteca dei Padri Mechitaristi di San Lazzaro a Venezia (d’ora in poi V1922), le cui miniature, grazie al recente restauro, sono state restituite al loro originario splendore, si compone di soli cinque fogli cartacei che furono asportati da uno stesso codice, poi andato probabilmente perduto, contenente una raccolta di Vite dei Padri del deserto in armeno semplicemente Vark‘ Haranc‘, Vite dei Padri. È, questa, una fortunatissima collezione di testi che, modificandosi di volta in volta nelle varie aree, ha attraversato l’Oriente e l’Occidente cristiano rappresentando la fonte principale sulla spiritualità di quel monachesimo primitivo, tanto cenobitico quanto soprattutto anacoretico, che era nato nei centri e nei deserti della Siria, della Palestina e dell’Egitto a partire dal III-IV secolo dopo Cristo. 
Questi preziosi fogli miniati furono portati a San Lazzaro dal padre Nerses Sargisean (1800-1866) al ritorno da un viaggio in Armenia compiuto negli anni 1846-1852. Per facilità di trasporto, i fogli furono piegati in quattro e inseriti all’interno di un altro manoscritto. Il primo foglio del manoscritto si apre con l’ultima pagina del testo della Vita del principe “bizantino” Nerseh, che rinuncia a tutti gli agi della sua condizione per recarsi in Egitto e unirsi ai monaci di sant’Antonio Abate. Seguono: una pagina su due colonne, quella di sinistra occupata dal ritratto di un anonimo principe “bizantino” che, come il precedente,  fugge dalla corte per scegliere una vita di estrema povertà; in quella di destra si legge invece l’inizio della sua agiografia; nel secondo foglio, due episodi riguardanti l’anacoreta egiziano Pafnuzio, con una miniatura a piena pagina che mostra Pafnuzio nell’atto di congedarsi da quattro anziani monaci; nel terzo foglio la Vita di san Macario l’Egiziano, con una miniatura che ha per soggetto la guarigione di un leoncino cieco da parte degli anacoreti Macario e Marco, e un testo che mette l’accento sul rigore estremo delle pratiche di vita del religioso; nel quarto foglio una miniatura con sei monaci alla ricerca del Paradiso terrestre se la Vita di san Macario di Roma; nel quinto foglio una pagina  interamente occupata dalla miniatura illustrante la visita del vescovo Teofilo a Pambo, e sul verso una miniatura a piena pagina di  Pambo e i suoi discepoli.

martedì 13 marzo 2018

Il dittatore ancora contro Afrin

Il mondo è fermo ed ignaro di ciò che continua a succedere in Siria "chi ricorda, il Genocidio degli Armeni?" disse Adolf Hitler. La Storia dovrebbe insegnare ma non lo fa. I governi non sanno, fanno finta di non sapere e il Katzelmacher si sfizia a tenere in scacco il mondo. Tanto al mondo non interessa. 
Nessuno si oppone! I jihadisti mercenari da lui pagati con i soldi che la UE gli regala per tenere lontano il pericolo dei profughi siriani sono alle porte di Afrin pronti a sterminare definitivamente migliaia di civili. Una nuova pulizia etnica davanti alla quale tutti si girano dall'altra parte.
Il venditore ambulante che vuole farsi sultano, compra armi e le usa contro i civili in un progetto panturchista il cui controllo è ormai ben pianificato anche dall'esercito turco che fino a qualche anno fa rappresentava un baluardo di laicità contro questo signore del male. 
Egli come tutti i cavalieri dell'Apocalisse marcia indisturbato, compra, corrompe, uccide, denigra, incarcera, si lava i denti nel sangue delle sue vittime innocenti. 
Secondo i ben informati, sarebbe un pusillanime, un pavido, guidato da una donna perfida che con un velo così stretto sulla testa sembra una microcefala. Sarebbe lei a portare i pantaloni in famiglia, lei a gestire i patrimoni espropriati agli avversari politici, a ordire e organizzare affari con gli "infedeli", a tracciare le trame e accordi, che lui da buon baff(om)etto mette in pratica. Lui sarebbe solo un malato, un epilettico curato male, in preda a stati deliranti e paranoici, di onnipotenza a causa dei farmaci. Anche questa sembra una ennesima scusa per perdonare, per fargli diminuire il numero delle responsabilità politiche. 
Ma dobbiamo replicare a chi scrive o mette in giro queste notizie, che morti restano morti, il peso delle responsabilità politiche non cambia, perché quei "farmaci" e quella "strega cattiva" da soli non possono distruggere migliaia di vite. 
La responsabilità è della comunità internazionale che con queste belve ignominiose continua a fare perfidi affari.

martedì 20 febbraio 2018

Nardò: Convegno omaggia il Genocidio Armeno

Si è svolto ieri (19 febbraio) a Nardò (LE) alle ore 9:30 presso la Biblioteca Comunale nel Convento dei Carmelitani si è svolto l'atteso convegno sul tema "Nardò e l’Armenia: i culti armeni tra terremoti e persecuzioni". 
Alla platea di Studenti del locale liceo artistico, i relatori hanno raccontato la bellezza della terra d’Armenia, la sua religiosità e la sua storia, soffermandosi sul tema del Genocidio Armeno. 
L’evento ha avuto inizio con i saluti del Presidente del Comitato San Gregorio Armeno, Cosimo Caputo, il parroco della Cattedrale Mons. Giuliano Santonio, l’arch. Donato Giancarlo de Pascalis che ha dato lettura del messaggio augurale inviato al Sindaco di Nardò, Pippi Mellone, dall’Ambasciatrice della Repubblica di Armenia in Italia S.E. avv. Victoria Badassarian.
Ha preso la parola la prof.ssa Isabella Oztasciyan Bernardini dArnesano delegata dellUnione Armeni dItalia per il Salento, dando alcune nozioni preliminari sulla situazione storica della Turchia Ottomana e di quella contemporanea.
È seguita la presentazione del libro 
curato dal Presidente del Centro Studi Hrand Nazariantz prof. Carlo Coppola, dal titolo "Nella terra del terrore: il Martirio dell’Armenia”. Il testo del 2016 ha goduto del Patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Armena in Italia. 
È seguito il racconto-testimonianza dell’ing. Lelè Pagliula reduce da un intenso viaggio in Armenia. I lavori del convegno sono stati coordinati da Giancarlo De Pascalis. Al termine dell'incontro anche il Presidente del Consiglio Comunale della Città di Nardò avv. Andrea Giuranna ha gradito porgere agli intervenuti il saluto dell'amministrazione comunale.

da sinistra l’ing.Pantaleo Pagliula, il prof. Carlo Coppola, la prof.ssa Isabella Oztasciyan Bernardini, larch. Donato Giancarlo De Pascalis.

mercoledì 14 febbraio 2018

in_certezza nuovo CD di Irma Toudjian

in_certezza”di  Irma Toudjian

riceviamo e pubblichiamo con piacere il Comunicato Stampa del 13 febbraio 2018:

Pubblicato per l'etichetta cagliaritana MGJR Records "in_certezza" il nuovo disco della pianista e compositrice armena Irma Toudjian, lavoro che giunge a quasi sette anni di distanza dal precedente (L'attente, 2011). "in_certezza" raccoglie alcune tra le composizioni più rappresentative degli ultimi anni dell'artista, ognuna di loro legata a progetti, tematiche ed urgenze espressive mirate. Da sottolineare la delicata presenza in quattro brani della chitarra di Riccardo Onori, apprezzato musicista attivo su più fronti nella scena musicale nazionale. La registrazione, il missaggio e il mastering sono stati curati dall'ingegnere del suono Marti Jane Robertson presso il janeStudio e lo Studio della Giraffa di Cagliari, con il progetto grafico di Alberto Soi e le foto di copertina della fotografa cagliaritana Daniela Zedda.
E' possibile ordinare e acquistare il disco nell'apposita sezione dedicata sul sito del janeStudio e a Cagliari presso Alta Fedeltà e Dal Maso.
IL DISCO - "in_certezza" è il quinto disco della pianista armena Irma Toudjian, musicista nata in Libano, successivamente approdata a Parigi e da anni stabilitasi in Sardegna nella città di Cagliari. Il lavoro si articola in nove brani e una suite e abbraccia un periodo di tempo di quasi sette anni, succedendo a "L'attente", penultimo album dell'artista risalente al 2011. Dal titolo si comprende e definisce la spiccata volontà della compositrice di concentrare scrittura e ricerca verso l'instabilità che domina e attraversa la contemporaneità, luogo in cui la liquida società globalizzata polverizza certezze e sicurezze consolidate, con la chiara consapevolezza che ogni evoluzione, altresì, si collochi come inarrestabile portatrice di crescita e speranza. Il brano di apertura (Incertezza), come ne sottolinea il nome, cristallizza e narra in musica un momento nella vita della compositrice in cui la precarietà e il dubbio si erano fatti dominanti. Il disco si evolve con l'onirica Rêve e la malinconica Adieu, prima di giungere alla successiva Lunadigas suite, corpo centrale dell'intero lavoro e parte della colonna sonora del documentario di Marilisa Piga e Nicoletta Nesler "Lunàdigas – ovvero delle donne senza figli" (Pierrot e la Rosa, 2016). Il film racconta una realtà articolata e poco conosciuta, dalla quale emergono emozioni affini e opposte, a volte contraddittorie, dai contorni netti: compiacimenti, dolori, dubbi, certezze, pregiudizi delle donne determinate nella scelta di non avere figli. Une idée cachée e Verda si fanno momenti continuatori di ricerca e improvvisazione, sul tenue filo di ricordi seminati nella storia dell'artista. Mélodie Arménienne e Mélodie Kurde costituiscono un chiaro omaggio al filosofo, mistico, danzatore, scrittore e maestro di danza greco-armeno Georges Ivanovič Gurdjieff e al suo lavoro di trascrizione delle melodie e della musica delle aree geografiche di Caucaso e Tibet. Musiche di pace e riconciliazione, quindi, accostate in successione con profonda volontà politica e spirituale. Bullied to death è una composizione scritta per l'omonimo film di Giovanni Coda (Bullied to death - Zena Film | Atlantis Moon, 2016). A chiudere l'opera Promenade sous la pluie, delicato stillicidio di note come la leggera e costante pioggia dei cieli parigini ai quali l'autrice è profondamente legata.
Importante il contributo donato all'opera dai ricami della chitarra elettrica di Riccardo Onori, musicista abile ed esperto, capace di inserirsi sulle composizioni dell'autrice con classe, esperienza e grande discrezione (presente nei brani: 2, 4, 7).

Irma Toudjian - foto di Daniela Zedda​

L'ARTISTA - Pianista e compositrice di origine armena, Irma Toudjian nasce in Libano, inizia lo studio dello strumento in tenera età e perfeziona gli studi musicali a Parigi presso l'École normale de musique de Paris-Alfred-Cortot. Dopo aver vissuto diciassette anni nella capitale francese, si trasferisce a Cagliari, in Sardegna, dove vive da più di 26 anni e prosegue la carriera di compositrice e concertista.
Discografia essenziale: "Ritratti" (2005), "Aghen" (2006), "March in the desert" (2008), "L'attente" (2011), "in_certezza" (2017).

Irma Toudjian
sito: Irma Toudjian
email: info@irmatoudjian.com

Ufficio Stampa
Simone Cavagnino
email: s.cavagnino@gmail.com
telefono: +39 340 3951527

domenica 11 febbraio 2018

Il Sultano Katzelmacher si rimpossessa del Patriarcato Armeno di Costantinopoli

Stemma dell’Armenia con le sue 4 dinastie storiche
Stemma dell’Armenia con le sue 4 dinastie storiche
Ancora un insulto alla democrazia mentre il Mondo non si ribella a questo cane vestito da maiale. 
Questa volta tocca al Patriarcato Armeno Apostolico di Costantinopoli.
Ne parliamo purtroppo da anni denunciando i terribili fatti avvenuti in seguito al presunto avvelenamento del Patriarca Mesrob II Mutafyan, un esponente giovane e rampante dell'alto clero armeno apostolico. 
Tutto iniziò con l’esautorazione nel 2016 di Mutafyan a causa degli effetti di una malattia neurodegenerativa, forse indotti. Entrarono così in scena una serie di attori desiderosi più di governare i patrimoni ecclesiastici dell’ancora ricco patrimonio del Patriarcato armeno Apostolico, che di occuparsi dei fedeli Armeni ancora presenti a Istanbul e nelle zone limitrofe. 
Come è noto, nelle istituzioni ecclesiastiche in cui gira vorticosamente il danaro assieme al potere, c’è sempre puzza di zolfo. Lo zolfo come doveva si dimostrare è impersonato dal dittatore turco che dopo il finto golpe continua a fare piazza pulita dei suoi possibili oppositori. Quelli che può comprare li acquista al prezzo di un panino o di una promozione, come dire se non incensa col vil danaro lusinga col potere, che da perfetto sultano sa distribuire. 
Ma ricordiamo fortemente è un "Sultano Katzelmacher”, ignorante, gretto, fanatico! Così dopo aver cercato di comprare, forse comprato effettivamente, membri della Chiesa armena, da cesaropapista qual è, ha scelto personalmente Patriarca. Al suo tentativo di diretto controllo del Patriarcato armeno di Costantinopoli si sono però opposti la Santa Sede di Echmiadzin, e alcuni deputati del parlamento turco con alcune interpellante parlamentari ad hoc. Una di queste, nel silenzio generale è costata un’esplosione dal parlamento del deputano Garo Paylan.
Arevakhach e Castel del Monte di Piero Fabris
Opera del pittore Piero Fabris
Dopo alcuni mesi dalla destituzione del patriarca Mutafyan venne quindi eletto un Locum Tenens, che si occupasse della gestione ordinaria e preparasse le lezioni del nuovo patriarca che nella chiesa armena vede protagonisti non solo membri del clero ma anche i consigli ecclesiastici composti da laici. Il locum tenens è stato quindi il vescovo Karekin Bekdjian vincendo proprio contro il candidato verso il quale Erdogan ha espresso le sue simpatie, il vescovo Aram Ateshyan, già amministratore apostolico prima che   la malattia di Mutafyan fosse resa pubblica al mondo.

Ieri il dittatore sanguinario della Turchia ha azzerato il processo per eleggere il nuovo Patriarca armeno perché vuole imporre i suoi candidati e scegliere il più fedele tra questi, il più lecchino, quello che con più forza negherà di essere il Genocidio e con esso la propria amenità. Probabile che ne trovi uno che professi anche la superiorità dell’Islam rispetto al Cristianesimo e diventi de facto un Imam Armeno.
Logicamente come citano alcuni giornali "i problemi del Patriarcato sono dovuti anche a divisioni e rivalità interne" ma si tratta di lotte per il controllo del potere volute e fomentate ad arte da un dittatore sanguinario assetato di danari e anacronistica espansione imperialista.

sabato 10 febbraio 2018

L'attualità in Gian Pietro Lucini

di Salvo Jethro Brifa 

opera del pittore Piero Fabris
Gian Pietro Lucini leggeva "veramente tutti i libri che gli inviavano o quelli che catturavano la sua attenzione" (Viazzi). Le sue considerazioni erano frutto di attenta analisi della follia di un'epoca che si stava accartocciando su se stessa (De Maria); le sue erano righe di critica onesta e non di compiacimento. 
Un uomo sincero che ha pagato i suoi articoli di critica con una sorta di emarginazione.
Era intollerante verso tutto ciò che è sovrastruttura, ipocrisia intellettuale, rito svuotato.
Non amava la monarchia, non amava la chiesa, era antiborghese.
Un polemista di alto rango, attento a ogni novità, alla quale si avvicinava senza alcun tipo di prevenzione, nell'idea che ogni nuovo volume potesse contenere il seme di novità e fosse soluzione per i bisogni del suo tempo. "Caposcuola dei simbolisti italiani” (definizione di Viazzi), un artista dai mille interessi sempre pronto ad una letteratura dialettica, sensibile alle istanze sociali, perciò annotava con cura, faceva considerazioni, ma sempre con cognizione di causa e non prima di aver rielaborato (cosa diversa da adattamento), semplificato, interpretato, riflettuto. Faceva sarcasmo dalle colonne dei giornali ai quali collaborava, su personaggi, esibizionisti prepotenti, senza etica né radici profonde nella cultura, i quali nulla potevano intendere del monte Parnaso, essendo più simili a pozzanghere sotto i raggi della luna, ovvero miraggi deludenti. Non è un caso che fosse “anti -dannunziano”! Un uomo scomodo specie agli occhi di certi “signori delle cerimonie”, (presenzialisti snob e cultori di facciata dell'arte), sempre pronti a elogiare chi è sotto i riflettori della notorietà. Per codesti “Signori”, un uomo come Gian Pietro Lucini era un “personaggio” dal quale è bene tenersi a distanza, ma con tatto diplomatico, perché uno come lui potrebbe trovarsi improvvisamente alla ribalta e il suo nome essere accanto a quello degli intellettuali molto richiesti nei salotti di grido, Chissà perché tutte le volte sembrava che la sua fama dovesse esplodere improvvisa in quanto artefice di un nuovo novecento poetico e invece rimaneva creditore di celebrità!
Il Lucini era “un ragazzaccio della cultura, uno scapigliato. difficile da domare, contestare, perché il suo patrimonio culturale era solido e le sue posizioni decise ed estreme erano espressione di studio profondo che si espandeva in ogni direzione: un vero anticonformista che preferiva tenersi lontano dagli olezzi di letteratura di bassa lega e fare dell'isolamento una occasione di proficua solitudine. E' stato uno dei maggiori innovatori della poesia italiana! 
Il Malibeo (Così come lo chiamavano) non fu mai asservito agli interessi di pochi. Alla notorietà preferiva l'onestà. 
All'oceano di folla preferiva un nido sulla cima irta e silenziosa, del monte dello scibile vicino al sacro stellato. Bisognò attendere la firma autorevole di Franco Fortini e che Edoardo Sanguineti lo rivalutasse, perché in molti lo prendessero in considerazione. Ebbe vera stima postuma!
Ogni scritto era per lui un' occasione di viaggio, possibilità di scalare con vivacità mentale, con la curiosità tipica dei fanciulli il pensiero di chi vergava, perché si entusiasmava di fronte a idee dal profumo universale, basato su pilastri originali capace di schiudersi a visioni lucide. Quante volte scivolava in “Canti amari” immerso in un'inquietudine indomabile difronte a pagine piene di orpelli usati per nascondere la miseria di certi esseri. Il Lucini era uno spirito irrequieto, anzi uno SPIRITO RIBELLE (che poi è il titolo della sua prima opera narrativa, ovvero un romanzo sociale, con intenzioni veriste). Un pensatore autentico! Una mente colta che ha bisogno di ordinare con distacco freddo e aristocratico sempre alla ricerca di un linguaggio di facile comprensione e di immediata evocazione. Sapiente conoscitore degli stati d'animo che richiama con esperienza iconica al sensorio (Sanguineti). Nella sua polemica, tipica di uno spirito nobile insofferente alla falsità si comprende la capacita dell'intellettuale di cogliere prima degli altri la necessità di forme nuove, espressione della nostalgia per sorgenti d'acqua di alta montagna che siano al contempo capaci di contenere il pensiero ossigenato, anima che risponda alle esigenze di una società in trasformazione. La sua era una ricerca di valore vitale e in tal senso il suo considerare era avanti per i suoi tempi. Facile intuire perché le sue idee erano un disturbo per la borghesia che preferì occultare il burbero intellettuale, farlo passare come un artigiano della cultura di secondo piano, un confusionario che aveva mancato di comprendere a pieno la lezione dei simbolisti francesi, ma lui, invece, compresa la struttura lirica, l'aveva liberata da certi contenuti, sintetizzando un SIMBOLISMO EUROPEO con concetti di puro, libero verso, che non disdegna di mescolare alla ricercatezza linguistica raffinata dell'eloquio alto con quello basso per arrivare a una trasmissione di idee con immediatezza. Qualcuno osò dire che la sua era una poetica rubata, un riadattamento dei SEMIRITMI di Luigi Capuana alla sua poetica del “Verso Libero” (titolo di un suo saggio, grazie al quale lasciava intendere come si dovesse poetare per schiudersi a liriche dal flato cosmico utilizzando quelle innovazioni formali come terminologia di simboli per rappresentare con intensità l'inconsueto del mondo.) Si entusiasmò per il Marinetti e, nelle prime ore del futurismo era forse tra i più felici plaudenti, immaginando che finalmente si fosse aperta una via letteraria scevra da ogni soffocamento strutturale; ci vide all'inizio il soffio di stagioni di freschezza che dessero scena alla purezza del sentire, ma non ci pensò troppo a prenderne le distanze dal movimento futurista, perché non intendeva cadere nella trappola della lusinga del rumore pirotecnico senza contenuti che, non dissolve la notte delle coscienze libere, ma le inganna, peggio le anestetizza, le ingabbia in labirinti di echi stonati... 
Eppur Filippo Tommaso Marinetti stimava il nostro, ne coglieva lo spessore, l'ironia amara, il sarcasmo affilato; fu lui a suggerirgli come titolo per una raccolta di poesie nate dalla delusione dei drammatici eventi del 1898: “Revolverate e nuove revolverate” e a scriverne l'introduzione.

venerdì 9 febbraio 2018

Artsakh di Serj Tankian

Մենք միշտ ապրել ենք այս հողերում, 
Քաղել ու հնձել այս դաշտերում,
Սերունդներ բխել քո գետերից, 
Մանուկներ ծնուել քո լեռներից  

Հանրային դիմակ ավանդական, 
Ազատագրական պայքար կամ մահ, 
Դշնամու աչքը տարածքներիդ, 
Մեր ժպիտները քո ծոցերին, 
Քո անհատակ կամքին,  

Մենք պիտի երգենք բռունցքներով, 
Արդարութեան դրոշ երագոյնով, 
Մարդկայնութեան սէր խաղաղութեան, 
Մանուկի դէմքին սուրբ օրհնութեամբ,  
Մենք պիտի հաղթենք մշակույթով 
Մենք պիտի հաղթենք մշակույթով 
Մենք պիտի հաղթենք մեր Հայութեամբ։

Traduzione in Inglese

We've always lived on these lands, 
Reaped and Harvested these fields, 
Generations sprung from your rivers, 
Children born from your mountains,  

The public mask of tradition, 
The struggle for liberation or death,
The enemy's gaze at your terrain, 
Our smiles at your bosom, 
At your bottomless will.  

We're going to sing with our fists 
With the tricolor flag of justice,  
Humanitarian love of peace
With the holy blessing of a child's face, 
We are going to prevail with culture  
We are going to prevail with culture 
We are going to prevail by being Armenian.

Traduzione Italiana  


Abbiamo sempre vissuto su queste terre,
coltivato e raccolto su questi campi,
Generazioni sorte dai tuoi fiumi,
I bambini nati dalle tue montagne,

La maschera pubblica della tradizione,
La lotta per la liberazione o la morte,
Lo sguardo del nemico sul tuo terreno,
I nostri sorrisi al tuo seno
Alla tua volontà senza fondo.

Canteremo con i nostri pugni
Con la bandiera tricolore della giustizia,
Amore umanitario per la pace
Con la santa benedizione del volto di un bambino,
Stiamo andando a prevalere grazie alla cultura
Stiamo andando a prevalere alla nostra cultura
Stiamo andando a prevalere perché siamo armeni.

lunedì 5 febbraio 2018

Bari si ribella al dittatore

Anche la città di Bari si è ribellata contro l’odierna visita del Sultanetto turco Erdogan. Le immagini sono state realizzate da Cosma Cafueri, che ha partecipato al corteo. 

Il Santo Padre, Papa Francesco, oggi ha accolto l’ignominioso signorotto uccisore e uomo di soprusi che tiene in scacco l’Europa e il mondo.