Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Dle Yaman - ԴԼԵ ՅԱՄԱՆ

Immagine
Դլե յաման
Գյամին էկավ կրակի պես,
Վա՜յ, դլե յաման,
Էկավ, հասավ չուր ծովու կես,
Յաման, յաման:

Դլե յաման,
Մեր տուն, ձեր տուն իրար դիմաց,
Վա՜յ, դլե յաման,
Մենք սիրեցինք առանց իմաց
Յաման, յաման:

Դլե յաման,
Արև դիպավ Մասիս սարին,
Վա՜յ, դլե յաման,
Կարոտ մնացի ես իմ յարին,
Յաման, յաման:

Դլե յաման,
Քամին էկավ երան-երան,
Վա՜յ, դլե յաման,
Գյամին հասավ ծովու բերան,
Յաման, յաման:

Դլե յաման,
Քամին էկավ, առավ բերդին,
Վա՜յ, դլե յաման,
Քո սեր կաթավ մեջ իմ սրտին,
Յաման, յաման:

traslitterazione in Lingua Armena

#1 Dle yaman
Mer tun, Dzer tun dimac, dimac
Dle yaman,
Heriq anes achqov imac
Yaman, Yaman, Yar

#2. Dle yaman
Gyamin ekav kraki pes,
Dle yaman,
Ekav hasav chur covu kes,
Yaman, Yaman, Yar

#3. Dle yaman
Arev dipav Masis sarin,
Dle yaman,
Karot mnaci es im yarin,
Yaman, Yaman, Yar

#4. Dle yaman
Arev dipav Vana covin,
Dle yaman,
Qo ser katav meg im srtin
Yaman, Yaman, Yar.

#5. Dle yaman
Mer tun, Dzer tun irar, dimac
Dle yaman,
Menq sirecinq aranc imac,
Yaman, Yaman, Yar

#6. Dle yaman
Ashxari meg mi ter unim,
Dle yaman
Yaris vra var ser unim,
Yaman, Yama…

....E a Cavriglia si cantò l'Armenia materna terra di dolore e di speranza...

Immagine
Mentre a Roma gli Armeni continuano a farsi la guerra accusandosi reciprocamente di essere filo-turchi, terroristi, pro-Cilicia, pro-Azerbaijan, pro-mozzarella di bufala o pro-caviale, ASALÁ o OSAQUA, sprecando il loro tempo e le loro preziose risorse in idiozie che ricordano da vicino gli intrighi della guerra fredda, e altre pettegolistice liti da postribolo, a Cavriglia, in provincia di Arezzo, è andato in scena un atto di amore per la Madre Armenia, che tutti dovrebbero onorare ma che troppo spesso troppi perdono di vista! L'arte scenica, l'arte dell'apparire si confonde in realtà con quello che è fuori da essa. 
I paludati benpensanti snobbano la periferica piazza aretina. Non un cenno da nessuno, se non dai più odiati di tutti, nonostante ripetuti giri di email a piccole e grandi istituzioni.  Allo stesso modo si conferma purtroppo il brutto vizio di taluni ambienti romani che considerano degno di diffusione solo ciò che essi stessi producono, ignorando e, disprezzando …

Abgar, re Armeno, e la "Disiata forma" del Cristo

Immagine
Movesi il vecchierel canuto et biancho  del dolce loco ov’à sua età fornita e da la famigliuola sbigottita che vede il caro padre venir manco; indi trahendo poi l’antiquo fianco  per l’extreme giornate di sua vita, quanto piú pò, col buon voler s’aita, rotto dagli anni, e dal camino stanco; e viene a Roma, seguendo ’l desio, per mirar la sembianza di colui ch’ancor lassù nel ciel vedere spera. cosí, lasso, talor vo cerchand’io,  donna, quanto è possibile, in altrui la disïata vostra forma vera.


E' questo il sonetto di Francesco Petrarca in cui il poeta in cui per la prima volta nella storia dell'uomo moderno, l'uomo si confronta attivamente con Dio paragonando la ricerca del suo volto a quello della donna desiderata. Un passaggio fondamentale che oltre che far scendere il Cristo dalla Croce riportandolo al suo sembiante umano, ne cerca il volto, per farlo più vicino alla propria condizione terrena! 

L'uomo contemporaneo cerca il Cristo, e queste tematiche ancora più fortemente si sen…

29 marzo a Cavriglia: " Armenia: oh materna voce del pianto e de la Speranza "

Immagine
Domenica 29 Marzo alle ore 17:30 presso il Teatro Comune di Cavriglia (AR) andrà in scena l'atto unico dal titolo "Armenia: oh materna voce del pianto e de la Speranza".  Autore dell'opera è il noto poeta Massimo Lippi.  Saranno protagoniste dell'evento la soprano Armena, Agnessa Gyurdzhyan e la soprano Ungherese Klara Mitsova con loro al pianoforte la pianista Lilit Khachatryan anch'essa Armena. Saranno presenti Cristoforo Maria Lippi, scenografo; Massimo Lippi, poeta. Interverrà anche il maestro Vighen Avetis, pluripremiato maestro scultore, autentico ambasciatore dell'arte armena in Italia.
Ingresso Gratuito


Приглашаю всех на на наш концерт-спектакль,посвященный 100 летию геноцида армян. Концерт состоится 29 марта ,в 17.30 в театре города Cavriglia (Arezzo) . " Армения : о материнский голос плача и надежды " "Armenia: oh materna voce del pianto e de la Speranza" Atto Unico di Massimo Lippi con Agnessa Gyurdzhyan(Soprano); Klara Mitsova(S…

Il Popolo dell'Arca [di Carlo Coppola]

Immagine
in occasione della omonima mostra al Vittoriano


Aggirarsi lungo il labirinto   emozionati ed atterriti da tanta potenza,  non dal fascino estetico delle pietre  ma dai gesti passati che da esse trasuda. 
Il mistero: Vivere un attimo i colpi dei Maestri   che in tempo non tempo  han plasmato la roccia,  Accogliere sulla propria pelle la potenza dei metalli.
Guardare,  annusare, sfiorare,  sentire Amore  le reliquie nella propria carne: E' il senso della contemplazione dei morti e dei vivi.
Cimitero virtuale per tanti  di cui non rimase neppure un "brandello di Muro", Patria attuale per altri, Canto che si alza in Preghiera. 
Così Urlano le Pietre  su cui passò Vartan il condottiero,  le parole di Gregorio ci avvolgono dal suo monastero di Narek,  prive di retorica ma colme di Amore per Cristo.
La commozione che non permette neppure i singhiozzi: Si cammina,  si resta di schianto, il cuore non riesce a passare oltre, 

"The girlfriend of the Lake" by Roupen Zartarian

Immagine
translation by Jennifer Seta Sahagian-Walker 

I
On the banks of the lake (Van) existed, once two villages, one still exists, the other disappeared under the waters.
In what no longer exists, a young woman was nicknamed "the girlfriend of the Lake." Every morning, well before sunrise, when the lake caresses its shores under the kisses of the breeze and the water rippling in a slow tremor, the girlfriend of the lake was intended, from the shore, a vague black bird swimming in the distance and that was disappearing, losing in the wave.
A light emanated from his face and fell into the water; his stature was as slender willows that rise along the rivers; her hair that were flowing over her shoulders like a stream, you would have said they were moonbeams gliding along a tremulous, and his eyes those of deer fleeing to the mountains. When, in the morning, s'allentava from the lake, the fish s'agitavano strongly.
II
Every night, very late, at midnight a glimmer wavering flick…

"La Bastarda di Istanbul" a Teatro di Rifredi in scena la Storia del 900

Immagine
Si è chiusa ieri pomeriggio al Teatro di Rifredi di Firenze la prima stagione di repliche della "Bastarda di Istanbul" lavoro teatrale diretto da Angelo Savelli e tratto dallo straordinario romanzo di Elif Shafak
La pièceè stata interpretata da unaeccellente squadra di attori in cui si distinguono per notorietà Serra Yilmaz,attrice turca, nota al grande pubblico quale protagonista di molti film di Ferzan Ozpetek, e Valentina Chico, che stupisce per intensità ed efficacia.  Con "La Bastarda di Istanbul" al Teatro di Rifredi va in scena la storia del 900 e con essa una parte significativa della Questione d'Oriente relativa alle vicende della Turchia contemporanea.  Si tratta, a prima vista, della storia di una famiglia, una vicenda di pochi e per pochi, le cui relazioni intime sono però guidate da una voce narrante, un personaggio che recita prevalentemente a-parte, una donna, una veggente in contatto con due geni, come nella tradizione letteraria ottomana dei sec…

15 marzo 1921 Soghomon Tehlirian vendica il Genocidio Armeno

Immagine
Ricordiamo oggi un episodio fondamentale della storia armena del Novecento, successivo alle stragi del Genocidio Armeno ma ad esso direttamente collegato. Il 15 marzo 1921 lo studente armeno Soghomon Tehlirian (Սողոմոն Թեհլիրեան) pose fine, in un sobborgo di Berlino, alla vita di Taalat Pasha, Ministro degli Interni del Governo dei Giovani Truchi, riconosciuto colpevole da un Tribunale Rivoluzionario Armeno, e successivamente da molti storici, di aver dato inizio con Enver Pasha e Gemal Pasha di aver dato origine all'Annientamento su base puramente Etnica del popolo Armeno. 
Dell'omicidio politico ordito per vendicare i Martiri del Genocidio Armeno, fu considerato ideatore e capo del progetto Shahan Natalie, intellettuale armeno trasferitosi a Boston, negli Stati Uniti.
Tehlirian era nato a Nerkin Pakarich, sobborgo di Erzurum il 15 Aprile 1896e morì all'età di 64 anni a San Francisco il 23 maggio 1960, riposa oggi nel cimitero armeno Masis Ararat, di Fresno,in California. Egl…

"La Fidanzata del Lago" di Rupen Zartarian

Immagine
(leggenda armena)
I
Sulle rive del lago (Van) esistevano, una volta due villaggi, l'uno esiste tuttora, l'altro è sparito sotto le acque.  In quello che non esiste più, una giovane donna era soprannominata "la fidanzata del Lago". Ogni mattina, molto prima dello spuntare del sole, quando il lago accarezza le sue rive sotto i baci  della brezza e le acque s'increspano in un lento tremito, la fidanzata del lago mirava, dalla riva, un vago uccello nero, che nuotava in lontananza e che andava dileguandosi, perdendosi nell'onda. Una luce emanava dal suo volto e cadeva nell'acqua; la sua statura era slanciata come i salici che s'innalzano lungo i fiumi; i suoi capelli che le si spandevano sulle spalle a guisa di ruscello, si sarebbe detto fossero raggi di luna scivolanti lungo una tremula, e i suoi occhi quelli della cerva in fuga per i monti. Quando, al mattino, s'allentava dal lago, i pesci s'agitavano vivamente.
II
Ogni sera, tardi molto, a mezzanotte …

Agop Manoukian accolto alla Feltrinelli di Perugia dalla Comunità Armena

Immagine
Si è svolta a Perugia sabato 07/03/2015 alla Libreria Feltrinelli la presentazione dell'ultima fatica saggistica del prof. Agop Manoukian, sociologo e attualmente presidente onorario dell'Unione degli Armeni d'Italia. La monumentale opera dal titolo "La Presenza Armena in Italia 1915-2000" è stata pubblicata lo scorso anno dalla casa editrice Guerrini e Associati. Sono intervenuti con l'autore il prof. Enrico Ferri, docente presso Unicusano di Roma, e Francesco Paola, avvocato e saggista.  Sono stati presenti anche il rappresentante del Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari, Carlo Coppola, e una delegazione della costituenda Comunità Armena di Perugia e dell'Umbria "San Matteo degli Armeni", oltre ai rappresentanti della famiglia Tasegian di Città di Castello. Al termine della serata il rappresentante del Centro Studi Hrand Nazariantz ha preso la parola salutando i presenti a nome della sua associazione barese e del presidente onorario Rupen Timur…

Sabato 07 marzo a Perugia incontro con Agop Manoukian

Immagine
Si terrà sabato 07 marzo 2015 presso la Libreria Feltrinelli, in corso Vannucci, a Perugia un incontro con il prof. Agop Manoukian.  Manoukian, imprenditore e sociologo, attualmente presidente onorario dell'Unione degli Armeni d'Italia presenterà la sua ultima fatica saggistica, la monumentale opera dal titolo "La Presenza Armena in Italia 1915-2000" edita dalla casa editrice Guerrini e Associati.
Interverranno con l'autore il prof. Enrico Ferri, docente presso Unicusano di Roma e Francesco Paola, avvocato e saggista.  Saranno presenti anche il rappresentante del Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari e una delegazione della costituenda Comunità Armena di Perugia e dell'Umbria "San Matteo degli Armeni".

Diran Timurian, Imprenditore barese, correrà per i Martiri del Genocidio Armeno

Immagine
Il 22 marzo 2015 il giovane imprenditore barese Diran Timurian, figlio di Rupen e Gigliola Timurian e nipote di Diran e Ashkhen Timurian, componente del "Bari Road Runners Club" correrà la XXI Maratona di Roma. Diran Timurian gareggerà con una speciale maglia progettata e realizzata per commemorare il Centenario del Genocidio del Popolo Armeno (1915-2015) di cui egli stesso è discendente, come indicano sia il suo nome che il suo cognome.  "I 42 km che percorrerò serviranno ad onorare 1.500.000 armeni massacrati per mano dell'ignoranza.  Il primo genocidio del XX secolo che a tutt'oggi non è ancora riconosciuto da molti" afferma orgogliosamente.  Nessun rancore per nessuno in queste parole di Diran Timurian che non intende sottolineare il nome dei massacratori, turchi o curdi che fossero, ma il senso è quello di chi intende onorare con il suo gesto tutti coloro che furono  meno fortunati dei suoi familiari, i quali miracolosamente riuscirono a salvarsi e a ritro…