venerdì 23 dicembre 2016

"La légende des papillons" di Hrand Nazariantz

il poeta armeno Méroujan BARSAMIAN (1883-1944)

a Méroujan Barsamian
fraternellement


Je te confesse, o passant, comme un songe,
comme un songe de gloire
que pour la joie des vivants
et pour la paix des morts, un soir,
un soir insondable en son extrême tristesse
une éclosion blanche de papillons
obéissant à une sentence antique
mysticisant les cieux par leur chasteté
descendra dans un instant éternel
tendrement, tendrement,
sur la triste histoire de notre terre...

comme un song de gloire pur les morts et les vivants..

Les papillons
comme un nuage immaculé d'encens
ruisselant, à l'âme multiple et opulente
sur les rouges crépuscules 
et les horizons flottant
comme une bénédictions 
et chaque papillon aura sus ses ailes
une extase de paix rythmée en oubli radieux
pur notre vieille planète d'ou élèvera soudain
le très final solo
d'un sanglot voluptueusement humain
de désir, dissolvant, 
déchirant,
suprême...

L'harmonie heureuse des papillons
sur le deuil des eaux mortes
et les rives abandonnées 
étendra le vélum d'un voile virginal 
et l'esclavage séculaire de la terre
sera délivré des sphères tyranniques 
et de l'horizon inutile  
quand descendront en faisceaux lumineux,
les papillons, les papillons,

comme un songe de gloire pour les morts et les vivants...

Ce sera un soir lunaire
une éclosion blanche de papillons 
ensoleillant l'Inespoir universel
par leur candeur
couvrant les Maux, les Horreurs et les Hideurs
dans une suave magie aurorale,
blanche, très blanche,
plus pure que la neige,
plus pure que la lait maternel
plus pure que l'âme angélique 
la blanche pluie des papillons
pur la joie des vivants et pur la paix des morts
sur tous le chemins de l'Orient
à l'âme de ulcérée,
le blanche pluie des papillons -
poème d'innocence, -
descendra des lointains purs et idylliques 
d'une grand illusion des yeux,
des yeux qui trop rêvèrent l'Amour,
des yeux qui trop rêvèrent la Pureté,
des yeux qui trop aimèrent le Rêve...
et l'Astre de la Folie...

Et dans la révélation aurorale des papillons
il sera du silence pur d'un divin éblouissement 
effleure des ailes,
des ailes mystérieuses
et la vieille Humanité dans cette candide Noël   
aura l'impossible illusion de renaître
en un Ile Heureuse vaguant dans l'immense 
océan éternel de l'Infini 
aux souffles mélodiques d'une exquise indolence
et tout sera blanc, combien blanc
sous la neige des papillons ...

Et par un soir semblable,
un soir d'amour, un soir séraphique,
comme un songe de gloire
partiront
les Pèlerins d'Orient 
chargés de délices d'un Rêve élyséen,
les Ombrageux vêtus d'espoir,
les Découragés vêtus de lumière,
les Amers chargés de miel et de grenants  
les Pèlerins d'Orient escortés de Muses et de papillons,
traversant les pays éphémères de Sommeil e de Mort,
et le peuple vains
pour combler un voeu de merveille,
devinant les chemins fleuris de sauge et de thym,
les grands chemins qui n'ont pas de mystères 
quand on sait écouter 
la voix infaillible des grands destins...

Et un nuit de passion - 
minuit -
fiévreux, ils entreront dans les Villes Sacrées 
où chaque asile offre son idéale idylle,
dans les Villes Blanches,
aux vaporeux contours,
souriant dans les ombres brodées d'étoiles,
à la joie des Vivants 
et la paix des Morts 
sous la neige
blanche 
blanche
des papillons,  des papillons, 
come songe de gloire...


Poésie, 1927, Cahiers Mensuels Illustrés, Tomo V.

mercoledì 30 novembre 2016

Un saluto alla prof.ssa Gabriella Uluhogian

prof.ssa Gabriella Uluhogian

È ritornata alla Casa del Padre la prof.ssa Gabriella Uluhogian già docente di Lingua e Letteratura Armena presso l'Università degli Studi di Bologna. 
Lo scorso anno la prof.ssa Gabriella Uluhogian ha voluto donare al Centro Studi Hrand Nazariantz il carteggio intercorso tra il nostro poeta e Antonio Basso, fratello del più noto Lelio. 
Le avevamo promesso di dare ai documenti inviatici ampio risalto e così accadrà. 
Si era pensato ad un pubblico evento di cui la stessa professoressa sarebbe stata protagonista. Purtroppo la tempistica e la necessità di inventariare il materiale ci ha portato fuori tempo. Dedicheremo nel prossimo futuro un evento alla cara memoria della prof.ssa Gabriella Uluhogian. 
La professoressa è stata propugnatrice della cultura armena ben prima della fondazione della seconda Repubblica, ha saputo valorizzare gli aspetti della millenaria cultura facendola scoprire anche a chi nulla conosceva in merito. Anche grazie a lei, ai suoi interessi, ai suoi studi, alla sua passione, alla sua pazienza oggi vi è una rinascita dell'interesse intorno a questa amata e piccola nazione, che va ben oltre la mera esistenza della Repubblica che ne racchiude il nome e le millenarie istanze.
Per ora Le inviamo il nostro accorato saluto e ci stringiamo attorno alla famiglia Uluhogian, a tutti i parenti e a chi l'ha conosciuta e le ha voluto bene. 
Le esequie si svolgeranno domani mattina 1 dicembre alle 11.00 nel Duomo di Parma.


BIBLIOGRAFIA

Proponiamo un breve, e certamente, incompleto elenco delle pubblicazioni della prof.ssa Gabriella Uluhogian affinché anche chi non l'ha conosciuta possa sapere di lei attraverso la lettura delle sue pubblicazioni:

1.
Gli armeni
Bologna: Il mulino, 2013
2.
Contributi allo studio della tradizione manoscritta del Basilio armeno: 1. il Mscr. 5595 di Erivan
Milano: Istituto lombardo di scienze e lettere, 1975
3.
Bibliography of Armenian dictionaries
Bologna: Patron, 1987
4.
Studenti armeni a Bologna nella cerchia del Mezzofanti
Bologna: L. Parma, \1988?!
5.
E' a Bologna la perduta "Geografia" di Eremia Celebi K'Eomiwrcean 
S.l. : s.n., 1994?]
6.
Testimonianze epigrafiche della presenza degli armeni nell'Azerbaigian iraniano
S.l. : s.n., 1977?]
7.
Armenian history materials in the archives of Central Europe / [a cura di Gabriella Uluhogian]
Yerevan: [s.n.], 2001 (Yerevan : Sargis Xacenc)
8.
A proposito della traduzione italiana di Pawstos Buzand : problemi e proposte di soluzione
Budapest: Akademiai kiado, 1997
9.
Gli armeni
Bologna: Il mulino, 2009
10.
Ricerche filologico-linguistiche su antiche traduzioni armene di testi greci: fra archeologia e attualità
Las Palmas: Hakkert, 2000?
11.
Epigrafi armene a Genova
Bologna: CLUEB, [1986?]
12.
Note sul testo della traduzione armena dell'Asceticon di S. Basilio Magno
Milano : Istituto lombardo di Scienze e Lettere, 1976
13.
La versione armena dei Progymnasmata di Teone: una miniera per il recupero dei testi classici
Bologna : Patron, [1998?]
14.
Nella città che nella loro lingua si chiama Bolonia: una fratellanza antica, gli Armeni in terra bolognese
Casalecchio di Reno : Grafis, 1999?
15.
Lettere da casa prima e dopo la catastrofe : Tadem 1913-1914 ; 1919 / [a cura di] Gabriella Uluhogian
Venise : St. Lazare, 2011
16.
Il Matenadaran: storia di una biblioteca speciale
[S.l. : sn., 2012?]
17.
La tradizione manoscritta della versione armena dell'Asceticon di S. Basilio
Louvain-La-Neuve : [s.n.], 1987
18.
Sur l'onomastique des oeuvres de traduction : la version armenienne des Progymnasmata de Theon
[S.l. : s.n., 1986?]
19.
Nota sui dialetti armeni parlati nell'Azerbaigian iraniano
Venise: Académie arménienne de Saint-Lazare, 1981
20.
La tradizione medievale armena sull'origine delle Regole di San Basilio/ 
Roma : [s.n.], 1991
21.
Tearn aselov: hunareni bacarjak serakani targmanutyun barsel kesaracu hayeren bnagrum
Erevan: Izdatelstvo AN ArmSSR, 1989?
22.
Hyusisayin irani haykakan cartarapetakan husarjanneri vimagrutyun
Erevan: Izdatelstvo AN ArmSSR, 1979?
23.
Due epigrafi di donazione a S. Stefano di Giulfa
Venise: Académie arménienne de Saint-Lazare, 1982
24.
Nkatolutyunner Georg Pisidesi "vecoreayi" hayeren targmanutyan masin
Erevan : [s.n.], 1992
25.
Tecnica della traduzione, particolarità lessicali, calchi sintattici della versione armena dell'Asceticon di S. Basilio 
[Wien : Mechitaristen-Congregation, 1975?]
26.
Gli armeni
Bologna: Il Mulino, stampa 2015
27.
Venezia: estratto da: Catalogo dei manoscritti armeni delle biblioteche d'Italia / a cura di Gabriella Uluhogian
[S.l. : S.n, 2010]
28.
Un'antica mappa dell'Armenia: monasteri e santuari dal 1. al 17. secolo / [a cura di] Gabriella Uluhogian
Ravenna: Longo, [2000]
29.
S. Stephanos / [Hartmut Hofrichter, Gabriella Uluhogian]
Milano: Edizioni Ares, 1980
30.

Forme di comunicazione nel Medioevo : copisti e miniatori armeni / Anna Sirinian, Gabriella Uluhogian
Bologna: Alma mater studiorum, Università, Dipartimento di paleografia e medievistica, 2003
31.
Aspetti della situazione linguistica di Erevan (Rss d'Armenia) / Gabriella Uluhogian, Hovhannes L. Zakarian
Padova: Liviana, [1981?]
32.

Ricerca sull'architettura armena : silloge delle epigrafi armene di S. Stefano di Giulfa
Milano:\s. n.!, 1981 (Milano : MD)
33.
Catalogo dei manoscritti armeni delle biblioteche d'Italia / a cura di Gabriella Uluhogian
Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2010
34.
Armenia: imprints of a civilization : [Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Biblioteca Nazionale Marciana, Venice 16 December 2011-10 April 2012] / edited by Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan, Vartan Karapetian
Cinisello Balsamo : Silvana, 2011
35.
Arménie: impressions d'une civilisation: [Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Biblioteca Marciana, Venise 16 décembre 2011-10 avril 2012] / sous la direction de Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan, Vartan Karapetian
Cinisello Balsamo : Silvana, 2011
36.
Armenia: impronte di una civiltà/ a cura di Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan, Vartan Karapetian
Milano: Skira, 2011
37.
Bnagirk yisatakac : dall'Italia e dall'Armenia : studi in onore di Gabriella Uluhogian / a cura di Valentina Calzolari, Anna Sirinian, Boghos Levon Zekiyan
Bologna: Universita di Bologna, Dipartimento di Paleografia e mediavistica Alma mater studiorum, 2004
38.
Arménie: impressions d'une civilisation / sous la direction de Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan, Vartan Karapetian
Milan, Skira, 2011
39.
Armenia: imprints of a civilization/ edited by Gabriella Uluhogian, Boghos Levon Zekiyan, Vartan Karapetian
Milan, Skira, 2011
40.
Bnagirkʻ yišatakacʻ : dall'Italia e dall'Armenia: studi in onore di Gabriella Uluhogian / a cura di Valentina Calzolari, Anna Sirinian, Boghos Levon Zekiyan
Bologna : Dipartimento di paleografia e medievistica Alma mater studiorum-Università di Bologna, 2004
41.
La storia della civilta' armena, Roma, ICRCPAL, 25 marzo 2015
Fa parte di: Armenia: metamorfosi fra memoria e identit: una settimana di incontri, cinema e editoria, Roma, 23-28 marzo 2015
42.
La Storia e le Storie: narrazioni e testimonianze del genocidio armeno, Roma, ICBSA, 26 marzo 2015
Fa parte di: Armenia: metamorfosi fra memoria e identità: una settimana di incontri, cinema e editoria, Roma, 23-28 marzo 2015
43.
Basilius: Magnus <santo>
Il Libro delle domande: (Le regole); edito da Gabriella Uluhogian
Lovanii: In aedibus E. Peeters, 1993
44.
Pawstos: Buzand
Storia degli armeni / P'Awstos Buzand ; introduzione e cura di Gabriella Uluhogian ; traduzione di Marco Bais e Loris Dina Nocetti ; note di Marco Bais
Milano: Mimesis, 1997
45.
Catalogo dei manoscritti armeni delle biblioteche d'Italia / a cura di Gabriella Uluhogian 
Roma: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, Libreria dello Stato, 2010

lunedì 28 novembre 2016

A Milano: 1915 IL CANTO SPEZZATO MUSICA E POESIA ARMENA

Evento di musica, parole e immagini.

Sabato 3 dicembre a Milano, alle ore 17.00 negli spazi del Circolo Filologico Milanese in Via Clerici, 10 il soprano armeno Ani Balian, accompagnata al pianoforte dal Maestro Gianfranco Iuzzolino, interpreterà i canti armeni tradizionali raccolti dal grande etnomusicologo Gomidàs (Komitas).
L'attrice Elda Olivieri leggerà le poesie di poeti Armeni che hanno vissuto in prima persona il genocidio. Per contestualizzare le melodie e le parole, verranno proiettate immagini dell’epoca.
Seguirà la presentazione del libro di Henry Barby,  Nella terra del terrore: Il Martirio dell'Armania, a cura di Carlo Coppola (LB Edizioni, Bari 2016), racconto-inchiesta del giornalista francese, pubblicato in Francia nel 1917. 
L’esposizione dei quadri del gruppo di pittura astratta “Spirale di luce” sul Genocidio Armeno e una mostra sullo stesso tema completeranno l’evento. 
Pittrici: Wally Bonafè, Katalin Kollar, Amalia Caracciolo, Carla Erizzo. Voce recitante: Tariel Bisharyan.


INGRESSO LIBERO
sabato 3 dicembre 2016
dalle ore 17:00
Circolo Filologico Milanese - Via Clerici, 10 Milano

sabato 5 novembre 2016

Arrestati i parlamentari del Partito Democratico dei Popoli (HDP)



Con gli Armeni è cominciata esattamente così, il 24 aprile del 1915, come con i Curdi ieri notte 04 novembre 2016, quando il Partito Democratico dei Popoli (in lingua turca: Halkların Demokratik Partisi (HDP) ha subito l'arresto dei suoi dirigenti. Così inizia un genocidio nel silenzio colpevole dell'Europa, dei mezzi di comunicazione più svariati. 
Il Centro Studi Hrand Nazariantz si stringe a tante con altre associazioni in tutto il mondo e esprime sentimenti di vergogna per la politica internazionale europea che continua ad appoggiare e sostenere a detrimento della propria stessa economia.
Non vogliamo essere complici di un infame dittatore davanti al quale la nostra nazione, l'Italia, continua ad esprimere ossequio e appoggio. 
Noi ci dissociamo! #stoperdogan #fermiamoerdogan #fermiamoidittatori

sabato 22 ottobre 2016

Venezia 5 Novembre: "Nella Terra del Terrore: Il Martirio dell'Armenia"

locandina della rassegna Armenia: una Civiltà di Frontiera


Un dibattito sul volume Nella Terra del Terrore: Il Martirio dell'Armenia curato da Carlo Coppola per LB edizioni di Bari aprirà, il prossimo 5 Novembre 2016 a Venezia, il ciclo di conferenze dal titolo "Armenia: una Civiltà di Frontiera".
Il ciclo di conferenze è promosso dal Dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterraneo dell'Università Ca' Foscari di Venezia, dal Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, in collaborazione con LB edizioni e con Alliance Française - Venezia e gode del patrocinio della Fondazione Giorgio Cini. 
A dare il loro saluto istituzionale il prof. Aldo Ferrari e il dott. Minas Lourian, presidente dell'Unione degli Armeni d'Italia nella sua veste di direttore Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, quindi la giornalista Vera Mantengoli, a cui parteciperanno il curato del volume Carlo Coppola e l'editore Luigi Bramato
Tutti gli incontri avranno luogo presso la Loggia del Temenza, in Dorsoduro 1602 (Corte Zappa) e prenderanno il via alle ore 17:30. L'ingresso è libero ma è necessario prenotare la propria presenza inviando una semplice mail a questo indirizzo: segreteria@centrostudiarmeni.it.

domenica 16 ottobre 2016

Ciao Onno Gemgemian

Questa mattina è venuto a mancare un caro amico della Comunità Armena di Milano, che tante volte aveva partecipato alle nostre iniziative. 


OHANNES BEDROS GEMGEMIAN

più noto a tutti come ONNO CEMCEM

Il Signore abbia pietà della Sua Anima e le dia la luce dei Risorti in Cristo.
La storia familiare di Onno, armeno, cristiano e imprenditore, è fatta di grandi competenze, sensibilità, amicizia e generosità.
Ad Andranik Gemgemian, fratello di Onno, e a Lusy Balian, sua cugina, e a tutti i parenti le più sentite condoglianze.

Le esequie di Anno si svolgeranno mercoledì 19 ottobre alle ore 12.00 presso la Chiesa Apostolica Armena dei Quaranta Martiri in via Jommelli a Milano.

Astvaz Hoghin Lusavori! 

sabato 15 ottobre 2016

Francia: approvata la legge contro il negazionismo del Genocidio Armeno


A conclusione di oltre dieci anni di lavoro, il Senato Francese ha approvato Venerdì 14 ottobre, un testo che criminalizza la negazione del Genocidio Armeno del 1915. Approvata con 156  voti favorevoli a fronte di 146 contrari, la legge conferisce un significato ineccepibile all'intera ricezione della Questione Armena in Francia e l'iter parlamentare che ne alla alla base racchiude in sé i molteplici aspetti di questa proposta.
Dal 29 maggio 1998, quando il Parlamento francese ha adottato il principio secondo cui "la Francia riconosce pubblicamente il genocidio armeno del 1915", i promotori della proposta di legge hanno sempre insistito sul tema della dignità umana e di quanto essa sia stata negata nel 1915 da parte dell'impero Ottomano e dai suoi alleati
Da allora tutti i partiti sono stati uniti e concordi nella stesura di un disegno di legge volto a punire la negazione del genocidio armeno fino a giungere alla risoluzione adottata dall'Assemblea Nazionale il 12 ottobre 2006 (anche se il testo non è stato incluso nell'ordine il giorno del Senato). 
Più recentemente, nel mese di dicembre 2015, i Repubblicani avevano scelto di includere nell'ordine del giorno tale disegno di legge del 14 ottobre 2014 per rilanciare il dibattito che si è stato purtroppo abbandonato dai socialisti. 
In quella e in altre occasioni la Sinistra francese ne respinse le formulazioni. 
Oggi quella proposta di legge è diventata legge grazie in particolare a Valérie Boyer, Jean-Claude Gaudin e Bruno Gilles.
In tanti si sono impegnati nel mettere da parte le proprie individualità concorrendo al bene comune e alla buona riuscita del progetto.

lunedì 26 settembre 2016

In memoria di Nahed Hattar, vignettista

Nahed Hattar, il disegnatore ucciso in Giordania

Nahed Hattar, vignettista giordano, è stato ucciso per una vignetta satirica sull'Isis. 
Si sarebbe permesso di rappresentare Allah in vignetta ed è stato ammazzato poco prima di entrare nel tribunale che doveva processarlo (per blasfemia...) per la stessa vignetta. 
Guardatela tutti. Memorizzatela sul pc. In pochi hanno voluto vedere la cosa più chiara, la vignetta non era una lesa maestà nei confronti di Allah ma nei confronti dell'ISIS che pretende di esserne interprete assoluto di una certa ortodossia non da tutti condivisa.
vignetta del disegnatore giordano Nahed Hattar

Non c'è solo Charlie Hebdo. Il fanatismo uccide anche e soprattutto da quelle parti. 
In Iran da una settimana il divieto per le donne di andare in bici è diventato più stringente e chi lo fa (donna, ovviamente) rischia carcere e frustate (ma come fanno 70 milioni di persone, 35 di donne, a sopportare cose simili?).
Ci piacerebbe sapere cosa pensa, dell'una e dell'altra cosa, la regina Ranja di Giordania...
E visto che ci siamo riguardiamoci anche un film saudita. Semplice quanto netto: "La bicicletta verde".

giovedì 25 agosto 2016

Un inno a Bari di Hrand Nazariantz

Un ponte bianco costeggia lo skyline di Bari perché non dedicarlo alla figura di
Hrand Nazariantz?  ©CarloCoppola

BARI

Mezzanotte: ecco suonan lenti i dolci
Colpi notturni. Come una parvenza
di splendore e di gloria, alto s'accende
l'orizzonte secreto del mio lungo
esilio, verso l'infinito tesoro
delle tue stelle, mezzanotte, o bianca
città eletta del mio dolore errante:
ecco il divoto cantico, o città
nel profondo silenzio s'apre come
cattedrale di puri, umili simboli.

O città aperta innanzi al chiaro acciaio
del tuo mar quest' è l'ora
chiara e perfetta in cui
un radioso carcere
intonar potrebbe il mio dolore
vagabondo!

                    Lucente, sotto i dolci
colpi notturni, che profondi suonano
come nessuna musica del mondo,
sorpassando gli idei ch'ella sognò,
s'alza la tua basilica superba
tutta di luna pallida vestita,
volta all'oriente. O come,
tutta chiara dei voli
mistici delle sue campane simili
ad aureole candide,
offre alla Notte in cui la patria attende
la vision del suo passato eroico,
acceso dal magnifico
Santo dei rudi naviganti e dei
pescatori fraterni.

                          Ed ora, all'ombra,
ancora, delle tue porte pensose
chiuse in silenzio,
dopo il dovere quotidiano, l'umile
Laborioso dovere, nell'incanto
dei lenti colpi della mezzanotte,
l'onnipossente Santo,
grande per tutti i pianti delle madri
grande per tutti impianti delle vedove
con la sua larga fronte
ai confini del cielo errante, reca
la sua speranza, la tua Fede indole
con il suo spirito sul tuo mare, d'onde
verran la tua fortuna e la tua gloria
nuove, o Bianca Città!

                                     Fatto ideale
delle stelle divine, il Temerario
Santo, ancor sogna, certo, nel profondo
della sua mente greve di mistero,
il sogno sfolgorante degli antichi
galere che partirono dalle tue
piagge bionde e sonore per andare,
attraverso i perigli e le tempeste,
verso il Sole levante.    
           
Buona Città dei forti naviganti,
il cuore del tuo Santo clama ancora,
nei cicloni ideali e sulle chiare
Distese degli oceani infiniti,
come un profeta, per il tuo violento
fiero popolo e dolce, sempre acceso
di novelli implacabili fervori,
e per il sacro sogno aquilonare
nella memoria degli idei per sempre
vivo, il cuore del tuo Santo clama ancora
la gioia delle splendide conquiste.

L'anima sua tutta l'Immensità
eguaglia! e il volto d'un'umanità
più fraterna e il secreto
di tempi più felici e la sua anima
sono una cosa sola!      
Allora, è il volto sacro del il Signore
che illumina la tua notte, o Città
bianca dei franchi pellegrini.        

                       Il tuo
cielo eletto alla mia gioia m'ha fatto
amar la terra in cui s'ama e si piange,
e il mio esilio nel quale
sanguina ancora il mio triste passato
è simile all'esilio del tuo Santo
che, sì come il mio spirito perduto,
risogna, sulle tue rive straniere
piene d'arpeggi d'onde melodiose,
guardando fremere di nostalgia
le spighe delle alberature, d'una
allegrezza divina tra bei sogni
ieratici che sognano le vele
verso l'oriente, il Santo Temerario
di Mir risogna ne suo triste esilio
i giardini d'un tempo profumati
di acuto benzoino e di garofani,
risogna i suoi templi dai tetti azzurri
stellanti.
           
                    E la mia anima,
che questa notte a sua severa
immagine riplasma,
sogna, sogna, nel cantico devoto
consacrato alla tua fortuna e alla
tua bella gloria,
o Città eletta dal mio amor, città
che io vedrò pur negli occhi della morte,
dinanzi al chiaro acciaio del tuo mare,
pei lauri sanguinati dei tuoi sogni
lacerati,
l'anima triste sogna gli impossibili
paradisi del suo dolente fato.

                                                     Hrand Nazariantz

scomposta a "Nor Arax" Villaggio armeno, Bari 1930

per i Cittadini Armeni in difficoltà nel terremoto del Centro Italia 2016

Riceviamo dall'Ambasciata della Repubblica Armena in Italia e pubblichiamo:



Իտալիայում ՀՀ դեսպանությունում բացվել է թեժ գիծ՝ Իտալիայում տեղի ունեցած երկրաշարժի հետևանքով տուժած և օժանդակության կարիք ունեցող ՀՀ քաղաքացիների համար՝ +390687788654:

L'Ambasciata della Repubblica d’Armenia in Italia ha messo a disposizione un numero di emergenza per i cittadini armeni che sono stati colpiti dal terremoto e hanno bisogno di aiuto. I cittadini armeni possono chiamare il seguente numero: +39 0687788654.

The Embassy of the Republic of Armenia in Italy has launched a hotline for the Armenian citizens that suffered as a result of the earthquake and need help. The citizens can call: +390687788654.

domenica 31 luglio 2016

Scontri a Yerevan: hanno tutti ragione? di Carlo Coppola

statua di David di Sassun a centro di Yerevan
Negli ultimi giorni nella capitale Yerevan si sono moltiplicati gli scontri fra polizia e manifestanti. Ma per fortuna tutto avviene al calar delle tenebre per rendere più confuso il riconoscimento degli autori veri delle violenze da una parte e dall'altra. Noti i fatti: il caso della ragazza manifestante che ha abbracciato un non troppo stranito poliziotto, sembrando più spinta da un raptus di pulsione erotica che da mordente civile, dell'anziana prelevata con forza da tale Maga, ragazza vestita da agente di polizia e che i ben informati dicono essere in realtà una delle tante ragazze senza famiglia che affollano i locali notturni della capitale a cui il governo avrebbe messo la divisa da poliziotte per farle agire contro la popolazione e poi lavarsene le mani, favola a cui nessun testimone accreditato sa attribuire o meno fondamento,  infine la testimonianza della moglie del regista Atom Egoyan, Arsinée Khanjian, fermata dalla polizia per aver partecipato a pacifiche manifestazioni della scorsa settimana che appena rilasciata ha rilasciato le sue dichiarazioni in merito.
Un tassista sul cui taxi ero salito negli scorsi giorni, invalido di terzo grado della guerra in Nagorno Karabakh, anch'egli costretto a lavorare senza tempo, ad oltranza, nella quasi nullità delle tutele assicurative e previdenziale - come tutti coloro che vogliono sopravvivere in Armenia - parlava del fatto che la folla avesse preso la guardia del corpo del Capo della Polizia e l'avesse crocifissa. Notizia anche questa non confermata. Così le leggende metropolitane da una parte e dall'altra si sono moltiplicate in queste ultime tre settimana fino a che il Presidente della Repubblica non è stato ritratto, satiricamente ma non troppo, come membro di un quartetto formato da Talaat, Enver e Cemal, ovvero il gruppo dirigente del Comitato Unione e Progresso, meglio noti come Partito dei Giovani Turchi. 
Sta di fatto che oggi in Armenia ci vuole moderazione da tutte le parti mentre ai confini i nemici dello stato gongolano per la situazione. Non è un caso che tutto abbiamo avuto inizio il giorno dopo la dolorosa e terrificante pagliacciata del golpe turco e che molti giornali abbiamo immediatamente spostato la loro attenzione sull'Armenia non potendo dire troppo male del loro co-finanziatore e  satrapo turco. Anzi tutta la situazione in Armenia appare sempre più chiaramente dettata da elementi eversivi esterni pronti ad accende la miccia in qualsiasi momento. 
Il caviale azero è molto appetibile e soprattutto è sempre più evidente che dietro ai disordini in Armenia ci sia il marchio della CIA in posizione anti-sovietica e filo-azera. 
Simbolo del nuovo soggetto politico
Unity Party.
Questo dimostra due cose differenti che gli accordi con la RUSSIA non portano nulla di buono all'Armenia e che  gli Stati Uniti hanno interessi ancora troppo forti nell'area caucasica e che qualunque sarà l'esito delle elezioni presidenziali americane nessuno stato sarà al sicuro fino ad allora, volendo entrambi i contendenti e soprattutto la Clinton, dimostrare di poter essere determinanti per le sorti del mondo. 
In tutta questa confusione in Armenia un nuovo partito politico si accredita a poter essere il nuovo ago della bilancia lo UNITY party, presieduto da Vartan Oskanian, ex Ministro degli Esteri, e al quale fanno capo vari importanti analisti e politologi armeni tra cui l'ex Ambasciatore della Repubblica di Armenia in Italia Rouben Karapetyan

martedì 26 luglio 2016

Adesso sì che sono a Lutto... ma.... di Carlo Coppola

Il personale pensiero di Carlo Coppola, segretario del Centro Studi Hrand Nazariantz sui terribili fatti di Rouen. Si tratta, lo ribadiamo di una considerazione che giunge alla luce della tolleranza e del dialogo che Hrand Nazariantz sempre predicò nella sua attività di scrittore, e giornalista e che pagò sempre fino alla morte solo, vecchio e malato.


Un povero vecchio prete crocefisso mentre officia la Santa Messa per pochi fedeli. La Francia gaudente, laicista, e non cattolica si inchini dinnanzi a padre Jacques Hamel, 86 anni, parroco, un uomo testimone non solo di una fede soltanto ma della libertà di credere, del diritto, della speranza, dei valori di tutti noi. 

Adesso sì che sono davvero a Lutto, davvero arrabbiato, ma non cederò alla furia delle bestie, perché mi sento privato della mia libertà. 
Adesso: 
1) Non bestemmierò Allah perché io non bestemmio il mio Dio o quello degli altri,
2) Non allontanerò da me tutti coloro che credono nell'Islam
3) Non profanerò il Corano perché è un Libro in cui altri credono
4) Non vandalizzerò, neppure col pensiero, una Moschea,
5) Non mi vendicherò, con mano violenta, di coloro sgozzano in Chiesa un povero anziano curato di campagna, niente affatto paragonabile don Abbondio dei Promessi Sposi

Anzi è proprio quel nome di "don Abbondio" che mi fa pensare, che mi impone di riflettere sui valori della mia cultura, manzoniani perché cristiani e laici insieme, figli del progresso e delle conquiste. 

Allo stesso modo anche il titolo di "vecchio prete" lo stesso dato dal Foscolo al Parini dei Sepolcri, mi riporta la mente alla difesa delle convinzioni civili. 
Io non sono una bestia come loro ovvero ISIS (Daesh) 
Io ho dei valori umani loro non ne hanno (le loro convinzioni sono bestiali perché criminali).

I miei valori sono: cristiani, ecumenici, improntati all'Amore Fraterno, nelle sue più varie declinazioni!

Le mie convinzioni me le ha insegnate la mia cultura:
1) laica perché cristianamente laica,
2) umana perché fondata su radici cristiane e laiche,
corroborate dalla Rivoluzione Francese, dal sangue dei martiri di tutti coloro che liberamente hanno pensato che in ogni tempo.
Le mie ragioni vengono dall'aver imparato da secoli a tollerare, capire, approfondire, conoscere e studiare, le differenze, le affinità e le ragioni degli altri. Altri si rifiutano di farlo. Questi altri sono intolleranti, non si può parlare e neppure pensare qualcosa di diverso da quello che pensano loro, e allora costoro sono bestie, e non mi trascineranno nella loro bestialità! 


Tolleranza non significa che non difenderò con tutto il cuore e con tutta l'anima la mia cultura, la mia religione, la mia patria, i miei valori. 
Io sto a casa mia e consento che altri vengano in casa mia ma non permetterò che mi impongano la loro barbarie. 
Contro questa barbarie io scendo in campo. Nella Francia laicista Jacques Hamel, 86 anni, un vecchio prete è morto da Testimone non solo di Cristo ma anche della vera Laicità dello Stato e ha versato il suo sangue per Cristo ma anche per il Gallicanesimo. Santo Subito e Legion d'Onore!

venerdì 22 luglio 2016

L'invasione di Cipro: un anniversario a lungo rimosso

Un anniversario che nessuno di noi dovrebbe diventare, quello dell'invasione di Cipro, una delle regine del Mediterraneo, la più ad est, la più multietnica. L'invasione turca di Cipro, iniziò il 20 luglio 1974. L'intervento - giudicato dalla Grecia e dalla comunità internazionale - fu invece chiamato dalla Turchia Operazione di pace a Cipro (turco Kıbrıs Barış Harekâtı), semplicemente Operazione Cipro (Kıbrıs Harekâtı) ma il nome in codice dato dalle forze armate turche fu Operazione Atilla (Atilla Harekâtı).
Cipro venne divisa in due, Famagusta rimase nella parte turca e divenne una base militare, la più importante della Repubblica Turca di Cipro del Nord, ancora oggi priva di riconoscimento internazionale a parte la Turchia. Da allora ai residenti greci non fu permesso di fare ritorno nella loro città, neanche per riprendere possesso dei propri beni: la metà dei 45.000 desplazados si sono adattati a vivere nelle campagne intorno la città, il resto a Larnaka (25%), Nikosia (20%), Pavos. 
Circa la metà sarebbero ancora vivi, ma anche tra figli e nipoti il legame con la città d'origine rimane molto forte: attualmente sono 36.000 i famagustani sparsi in tutta l'isola che eleggono il sindaco "in contumacia" e chiedono di fare ritorno a casa.
Prima del 1974, Famagusta era la più elegante località turistica di Cipro: migliaia di turisti visitavano le mura veneziane del '400, le spiagge, le rovine di Salamina.
Secondo il diritto internazionale, non si può impedire il ritorno delle popolazioni espulse e allontanate dalle loro case, e neppure dei loro eventuali eredi. Questo viola apertamente gli accordi Kyprianou-Denktash e la Risoluzione 550 del 1984 delle Nazioni Unite. Ma la comunità internazionale ha preferito non disturbare il placido sonno degli eredi della Sublime Porta.

mercoledì 20 luglio 2016

Sulla repressione in Turchia

Una Dichiarazione Ufficiale del Centro Studi Hrand Nazariantz sulla repressione in Turchia

Erdogan porta avanti il suo golpe (quello vero), sfregiando la parte migliore del suo paese e portando la Turchia verso la dittatura islamista. 
Un'Europa ipocrita e bolsa non muove un dito e non dice una parola. 
Un'Europa che farebbe bene a non scucire più un euro alla Turchia per trattenere i siriani e spendere quei soldi per accoglierli e integrarli. 
Un'Europa che dimentica che dovrebbe agire pensando all'altra metà (e più) dei turchi che detesta Erdogan e vorrebbe sentirsi libera come ci sentiamo noi. 
Chi non lotta per la libertà altrui prima o poi avrà problemi a conservare la propria.

la Direzione del Centro Studi Hrand Nazariantz



lunedì 18 luglio 2016

A chi giova parlare di disordini a Yerevan?

Il Satrapo Erdogan in una "odiata" vignetta 
del nostro Pierfrancesco Uva

Era questo che dovevamo aspettarci dal dittatore patetico e sanguinario che affama il suo popolo con la complicità degli Stati Uniti d'America. La libertà viene tolta alle forze laiche e cristiane che vengono dipinte come pericolose e dissidenti, infedeli allo stato neo-teocratico. 

Nel frattempo nella, non troppo vicina, Armenia all'alba di ieri è avvenuto un fatto singolare, che non desta comunque alcuna preoccupazione nella popolazione civile, e neppure all'ordine pubblico della capitale. 

In merito agli eventi in corso alla stazione di polizia di Erebuni, alla periferia di Yerevan, si precisa che non è in atto un colpo di stato e che Jirair Sefilyan è stato arrestato il 20 giugno per detenzione e traffico illegale di armi. 

Nonostante i media internazionali insistano che ci sia tensione nelle strade della capitale, nel centro della città la situazione appare tuttavia più che tranquilla. 
L'ordine pubblico risulta presentemente normale, i negozi della città sono affollati da turisti e neppure la televisione si occupa di quelli che i media internazionali continuano a sostenere "essere gravi fatti".
Ci chiediamo dunque a chi giovi parlare di disordini nella capitale armena... certo le opposizioni fanno la loro parte opponendosi e cercando consensi internazionali. 
manifesto con personalità Armene a
Piazza Repubblica (Yerevan)
In un momento come questo riteniamo che l'Ambasciata Armena in Italia debba - come sta facendo - chiarire i fatti che avvengono, aiutando l'opinione pubblica italiana a non cadere nei tranelli della disinformazione, quale terribile arma di propaganda, di quanti non amano la Repubblica d'Armenia
Ribadisco qui a Yerevan la situazione è perfettamente tranquilla. Nelle strade del centro c'è solo un gran caldo. Piazza Repubblica sotto la calura domenicale è percorsa da turisti. 
Riflettiamo un attimo sul fatto che queste notizie tendenziose vengano messe in giro nei mesi in cui l'Armenia si affolla di turisti. 
La ripresa della guerra in Nagorno Karabakh ha fatto già i suoi danni al Turismo, all'economia, a. Evitiamo che ne se ne continuino a fare. 
Viva la Repubblica d'Armenia!!!