Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2014

Sonya Orfalian su Donna Moderna

Immagine
Riceviamo e pubblichiamo volentieri l'anteprima di un servizio giornalistico dedicato scrittrice italo-armena Sonya Orfalian apparso sul settimanale Donna Moderna in edicola questa settimana dedicato ai rifugiati in Italia.
Pubblichiamo solo la prima pagina dell'articolo per rispetto del diritto d'autore del settimanale e della redazione dello stesso ci congratuliamo con Sonya che abbiamo avuto la fortuna di incontrare in occasione della prima nazionale dello spettacolo Una cena armena, al Teatro Petruzzelli di Bari, tratto dal suo omonimo libro.



Vartanian e Timurian scrivono ai Presidenti di Camera e Consiglio

Immagine
Lettera aperta al Presidente della Camera On. Laura Boldrini e al Presidente del Consiglio dei Ministri On. Matteo Renzi in cui li si invita ad intervenire sulla questione del gruppo di cosiddetti “Giovani Turchi” per Rifare l’Italia 
Oggetto: Correnti del Partito Democratico

Rifare l'Italia (Giovani Turchi) http://it.wikipedia.org/wiki/Correnti_del_Partito_Democratico
-----------------------------------------------

L'Italia antifascista, anti nazista, anti segregazionista soprattutto contro le pulizie etniche che hanno caratterizzato il passato secolo a cominciare dal genocidio armeno del 1915 seguito dagli eventi come lo Shoa, la questione Kurda e quelle di alcuni paesi africani…..purtroppo un lungo elenco che ci fa riflettere per poter arginare il male del secolo passato per non ripetere contro altri essere umani una persecuzione per la razza o religione – Da tempo senza tregua si ripete la denominazione dei “Giovani Turchi". Ormai è un'identificazione di un gruppo di p…

Darmian e Teymourian calciatori armeni ai mondiali del Brasile

Immagine
Alcune settimane fa abbiamo appreso che un difensore della nazionale italiana di calcio Matteo Darmian ha origini armene. Nato a Legnano il 2 dicembre del 1989 il cognome ne tradisce la provenienza degli antenati, facendo di lui il secondo calciatore dei mondiali 2014 la cui discendenza verrebbe dal paese dell'Arat. Il primo, e più famoso, è il capitano dell'Iran, il centrocampista Andranik Teymourian detto Ando. Non conosciamo dichiarazioni di MatteoDarmian circa la sua origine etnica che ci sembra però incontrovertibile. Il cognome, infatti, deriverebbe, secondo alcuni recenti studi, dal termine armeno դարբին (Darbin) che significa fabbro secondo. L'evoluzione consonantica da B ad M avrebbe prodotto la forma attuale. In Armenia, infatti, il cognome Darmian è attestato e noto anche nella forma Darmiyan e in quella indiana Darmiyaan
Matteo e Andranik hanno in comune la provenienza dall'oratorio e il forte sentimento religioso cristiano. 
Matteo proviene, infatti, dalle …

ESCLUSIVO!!! HRAND NAZARIANTZ a CASAMASSIMA

Immagine
Video e Foto presenti in questo post sono stati realizzati dal patriota armeno Seiran Sarkisyan, residente a Bari da alcuni anni, tra gli animatori della locale Comunità Armena Barese.



"La Mietitura del Turco": Quando Carducci denunciò il Genocidio Armeno

Immagine
La mietitura del Turco

da Rime e Ritmi
Atene, 14 giugno. I Turchi iniziarono a mietere in Tessaglia e continuarono a saccheggiare (Dispaccio Telegr.)
Il Turco miete. Eran le teste Armene Che ier cadean sotto il ricurvo acciar: Ei le offeriva boccheggianti e oscene A i pianti de l'Europa a imbalsamar. Il Turco miete. In sangue la Tessaglia                     5 Ch'ei non arava or or gli biondeggiò: —Aia—diss'ei—m'è il campo di battaglia, E frustando i giaurri il trebbierò. —
Il Turco miete. E al morbido tiranno Manda il fior de l'elleniche beltà.                          10 I monarchi di Cristo assisteranno Bianchi eunuchi a l'arèm del Padiscià.


Note: 
[Il testo e le note qui trascritte sono tratti dall'edizione di Rime e Ritmi, Zanichelli, Bologna, 1913, pp.159-160]
Atene, 14 giugno... - Il dispaccio apparve il 15 giugno, durante la guerra greco-turca del 1897, nel tempo che i Turchi occupavano la Tessaglia greca.
verso 1: Le teste Armene - Poco Prima della Guerr…

Incontro tra il Santo Padre e il Catholicos della Chiesa Armena Apostolica di Cilicia Aram I:

Immagine
N.B. vengono qui pubblicati ad uso della Comunità Armena e di quanti sono interessati i comunicati integrali provenienti dal Servizio di Informazione del Vaticano. La parte in lingua armena è tratta dalla pagina di Radio Vaticana in Lingua Armena. Dalla medesima fonte proviene anche il repertorio fotografico.











Città del Vaticano, 5 giugno 2014 (VIS). "In questo cammino verso la piena comunione, condividiamo le stesse speranze e lo stesso impegno responsabile, consapevoli di camminare così nella volontà del Signore Gesù Cristo". Con queste parole Papa Francesco ha accolto questa mattina in Vaticano, Sua Santità Aram I, Catholicos della Grande Casa Armena di Cilicia, con i membri della sua delegazione.
"È ben conosciuto da tutti l'impegno di Vostra Santità - ha ricordato Papa Francesco - per la causa dell'unità tra i credenti in Cristo. Lei ha ricoperto ruoli di primo piano nel Consiglio Ecumenico delle Chiese, continua ad offrire un efficace sostegno al Consiglio …

Il Mediterraneo crocevia di popoli e culture a Lecce

Immagine
Sabato 7 giugno 2014, alle ore 17.30 presso l'Hotel President di Lecce nell'ambito del convegno organizzato a Lecce dalla BPW Italy International Federation of Business and Professional Women e dedicato al "Mediterraneo, crocevia di popoli e culture", la scrittrice armena Sonya Orfalian parteciperà con un intervento intitolato Il passo dell'accoglienza.  Interverranno tra gli altri la prof.ssa Izabel Oztasciyan Bernardini d'Arnesano che parlerà di "Osmosi dei Linguaggi, dei sapori, dei profumi e delle culture arcaiche e contemporanee tra i paesi del Mediterraneo!" Infine la sen. prof.ssa Adriana Poli Bortone interverrà sul tema "L'immigrazione: riflettiamo con serenità e responsabilità".

Manifesto degli intellettuali Armeni e Turchi: NOI FACCIAMO UN SOGNO, INSIEME

Immagine
Il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari ha deciso di aderire al Manifesto Culturale degli Intellettuali Armeni e Turchi proposto fra gli altri daRobert Guédiguian, Gerard Malkassian eSerra Yılmaz:

NOI FACCIAMO UN SOGNO, INSIEME.
Noi, firmatari di questo testo, facciamo il sogno comune che un’era di pace tra gli Armeni e i Turchi si apra, nel rispetto della storia e di ciascuno dei nostri popoli.
Troppo a lungo la cultura politica della Repubblica di Turchia ha voluto proteggere un crimine fondativo, sbarrando l’accesso al passato e con ciò stesso impedendo che si costruisse uno stato di diritto duraturo. Ma nessuno ha in suo potere di cancellare l’avvenimento mostruoso che ha avuto luogo nel 1915, né le sue conseguenze.  Da una decina d’anni, emerge un forte impegno da parte di molti, in molti ambiti: la ricerca accademica, le manifestazioni culturali, il restauro dei monumenti, la ricerca individuale delle origini da parte delle persone, gli incontri commemorativi nello spazio pubblico…

Visita a Roma di Sua Santità Aram I, Catholicos della Grande Casa di Cilicia

Immagine
Città del Vaticano, 2 giugno 2014 (VIS).  Dal 3 al 6 giugno prossimo, Sua Santità Aram I, Catholicos della Chiesa Armena Apostolica di Cilicia, verrà a Roma per incontrare Sua Santità Papa Francesco. Sua Santità Aram I è stato eletto Catholicos della Grande Casa di Cilicia nel 1995. La Chiesa armena comprende due Catholicossati e due Patriarcati e conta circa sei milioni di fedeli. I due Catholicossati di Etchmiadzin e di Antelias sono in piena comunione, ma indipendenti dal punto di vista amministrativo. Il Patriarcato armeno di Gerusalemme ed il Patriarcato armeno di Costantinopoli dipendono da Etchmiadzin per le questioni spirituali. A partire dal Concilio Vaticano Secondo, si sono sviluppate nuove relazioni tra la Chiesa cattolica e la Chiesa armena. Rappresentanti dei due Catholicossati di Etchmiadzin e di Antelias sono membri della Commissione Mista Internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali. Sua Santità Aram I visitò la Chiesa di…