Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

Mons. Nunzio Galantino ricorda il dramma armeno siriano citando Boloyan

Immagine
Nel secondo giorno di tregua nella martoriata Aleppo, Sua Eccellenza il Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiane Mons. Nunzio Galantino, ricorda il Genocidio degli Armeni.
Lo fa con un articolo pubblicato il giorno 27 febbraio sul Sole24ore dal titolo Le macerie di Aleppo e lo sguardo di Gregorio XX:
Di recente ho letto un bel libro di un siriano armeno, Jamil Boloyan, un professore universitario che insegna a Lecce, autore del Richiamo del sangue. Oggi noi che viviamo più o meno sereni, anche se a Piazza San Pietro e per le nostre strade di tanto in tanto spunta doverosamente l'esercito, non possiamo capire che cosa vuol dire avere il richiamo del sangue, sapere di avere la guerra in casa, sapere di avere la propria famiglia in quei luoghi. Gregorio XX mi ha fatto notare un aspetto ancora più drammatico della storia che vive il suo popolo: gli armeni portano il senso della tragedia, come un lamento impresso in loro e ben sintetizzato nei famosi romanzi della Arslan: …

A Franca Giansoldati il Premio Hrant Dink IX edizione

Immagine
Apprendiamo e comunichiamo con molta gioia che insieme ad Anna Mazzone il «Riconoscimento giornalistico italiano Hrant Dink per la libertà di informazione», giunto alla sua nona edizione, è stato assegnato per quest’anno alla vaticanista Franca Giansoldati del Messaggero, autrice di uno splendido volume La Marcia senza ritorno: Il genocidio Armeno, pubblicato per Salerno editore. Al volume è inoltre allegata una lettera firmata da Papa Francesco all'autrice in cui il Sommo Pontefice si congratula per l'iniziativa e l'attenzione verso il Genocidio Armeno. Franca Giansoldati è inoltre autrice di Apocalisse: la profezia di Papa Wojtyla, con Marco Tosatti, edito da Piemme nel 2003 e Il demonio in Vaticano. I Legionari di Cristo e il caso Maciel, edito da Piemme nel 2014.  Il suo contributo alla diffusione e comprensione della pastorale di Papa Francesco è stato notevole: nel 2013 si è aggiudicata il Premio Ischia internazionale di giornalismo per il migliore reportage sull'ele…

ad Anna Mazzone il Premio Hrant Dink 2016

Immagine
E' una bella notizia per il giornalismo italiano che Anna Mazzone, stimata giornalista di testate radiofoniche e televisive della RAI e di altre della carta stampata tra cui "Panorama", venga insignita quest'anno del Premio Hrant Dink giunto nel 2016 alla sua IX edizione. Anna Mazzone, pugliese, da anni si spende in prima persona per la significativa conoscenza della Questione Armena e del rapporto, spesso burrascoso, quando non di aperto conflitto tra alcune ex repubbliche sovietiche in particolare la Repubblica di Armenia e quella di Azerbaijan. Caso più noto è quello della terra contesa del Nagorno Karabakh, oggetto di una guerra dimentica dai media internazionali ma non da lei nella sua proficua attività e nel documentario per Sky TG24 dal titolo Nagorno-Karabakh, terra tra due fuochi. Per queste ragioni Anna Mazzone è finita sulla black list del governo dell'Azerbaijan e dichiarata "Persona non grata", termine latino dal suono che ne edulcora il sign…

04 febbraio 2016 - Festa di Vartan Mamikonyan e Compagni

Immagine
La Chiesa Cristiana Armena nelle sue varianti di Chiesa Apostolica Armena e Chiesa Cattolica Armena, ricorda oggi Quattro febbraio 2016 la festività di Santa Vartan e Compagni. Vartan è un santo guerriero e perì contro i Persiani di cui era stato per molto tempo comandante supremo dell'esercito. Ritornato alla religione dei suoi padri combatté per l'esercito armeno contro l'esercito persiano affinché fosse garantita agli armeni la libertà del proprio culto cristiano.  Era l’anno 451, il venerdì antecedente la Pentecoste. Il katholicos Giuseppe, e molti vescovi e sacerdoti erano nell’accampamento ad incoraggiare ed assistere i soldati. Tutta la notte fu una preparazione spirituale; i sacerdoti battezzarono i catecumeni, amministrarono il sacramento della penitenza, celebrarono la messa, e tutti si comunicarono, come il “giorno della Pasqua” dice lo storiografo Eliseo, uno dei presenti. Vardan tenne un discorso rammentando la loro promessa di combattere per difender ela fede d…